Tanta gente, tanto caldo, tanta arte

sposarsi, biennale, gondola, festaTanta gente, tanto caldo, tanta arte e tanti eventi in questo periodo a Venezia. Le ultime tendenze e le più innovative provocazione dell’arte contemporanea proposte dalla Biennale interagiscono con luoghi e tradizioni secolari, come lo sposalizio con il mare, avvenuto ieri (domenica 5 giugno).

Un corteo acqueo di barche a remi, partito dal Bacino di San Marco al seguito della bissona Serenissima, la grande imbarcazione da parata, ha accompagnato, la cerimonia millenaria, in occasione della “Festa della Sensa”, manifestazione tradizionale in cui si celebra l’Ascensione di Cristo e che ribadisce, ogni anno, il rapporto unico e privilegiato di Venezia con il mare. Alla manifestazione hanno partecipato, come da tradizione, numerose autorità civili e religiose, tra cui i sindaci dei comuni di Forno di Zoldo e di Zoldo Alto, nel bellunese, che hanno ricevuto il prestigioso riconoscimento del Gemellaggio Adriatico.

Di fronte alla Chiesa di San Nicolò del Lido, all’altezza della corrispondente bocca di porto, si è svolta la cerimonia vera e propria, con il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni che, dopo aver lanciato nelle acque una corona d’alloro in ricordo di tutti i caduti in mare, ha gettato anche l’anello benedetto da Monsignor Beniamino Pizziol, da pochi giorni Vescovo di Vicenza, recitando la celebre formula “Desponsamus te mare, in signum veri perpetuique domini“.

Come detto tanti eventi, tanto caldo, tanti turisti, di conseguenza tanto casino e tante teste, che a causa del caldo o dell’alcool vedono a rischio la loro stabilità. E’ sicuramente questo il caso di due turisti che non hanno saputo resistere al fascino di un giro in gondola, ma diversamente dagli altri hanno optato per un furto della stessa, avvenuto qualche notte fa allo “stazio”di Santa Maria del Giglio. Ubriachi, si sono poi addormentati all’interno dell’imbarcazione che andava alla deriva nel  Canal Grande. Ad accorgersi di quanto stava accadendo è stato un tassista che ha subito chiamato la polizia. Nel frattempo però la gondola era già stata recuperata dai dipendenti di un vicino albergo.

Giunti sul posto, gli agenti di polizia hanno invitato la coppia a scendere, ma la donna alla richiesta dei documenti, ha iniziato ad inveire contro di loro e subito dopo ha cercato di colpirli con calci e pugni. Scena che è continuata anche in questura e che ha portato ad un diverso trattamento dei due.

L’uomo, un inglese di 20 anni, è stato denunciato a piede libero per furto in concorso, la donna, una francese di 42 anni, a causa della sua reazione violenta, è stata arrestata per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, furto in concorso, rifiuto di fornire le proprie generalità e rinchiusa in carcere alla Giudecca.

Matrimoni in diretta sul web

fedi.jpgC’è un nuovo servizio del Comune di Venezia che mi è sembrato interessante e quindi ve lo presento in questo spazio: si chiama ‘Diretta internet‘ e consentirà molto presto di seguire i matrimoni in diretta collegandosi ad un apposito sito che si chiamerà weddingvenice.
Per garantirsi la propria cerimonia on-line, la coppia di futuri sposi dovrà pagare dai 120 ai 144 euro, a seconda che lo si prenoti in rete oppure in comune, in aggiunta alle spese previste per uno normale matrimonio civile.
Il servizio piacerà soprattutto alle molte coppie di stranieri che, spesso, approdano in laguna proprio per coronare il loro sogno d’amore e che potranno condividere così con amici e parenti (che li vedranno online) il loro giorno più bello.

Che dire…? Una Venezia sempre più tecnologica. Bene così!