Tutti i voli del carnevale

Francesca Piccinini, Andrea Spiller, carnevale, piazza san marcoDopo il volo dell’angelo e quello della pantegana, in questo post vi parlo di quelli dell’asino e dell’aquila.

Sabato e domenica (ieri) fine settimana all’insegna del Carnevale, con tanti eventi, feste e divertimento. 

In laguna sono arrivati circa 140 mila turisti che hanno sfidato il gelo e sono stati premiati da un po’ di sole.

Molti hanno scelto il treno per raggiungere Venezia, e anche Mestre ha avuto la sua parte con il Volo dell’Asino (il giocatore di hockey Andrea Spiller) calatosi dalla torre di Piazza Ferretto a fare il verso al Volo dell’Aquila, che in Piazza san Marco ha visto invece librarsi dal campanile la pallavolista Francesca Piccinini, accolta da una folla festante e fotografante.

 

Ultimo post del 2012

2013, capodanno, festaUltimo post dell’anno sul blog di VirgilioVenezia, e naturalmente lo uso per farvi i miei auguri, oltre che per ricordarvi alcuni tra i tanti appuntamenti, se volete festeggiare l’arrivo del 2013 a Venezia.

Da anni ormai, come saprete anche leggendo questo blog, si festeggia il capodanno in Piazza San Marco a Venezia e piazza Ferretto a Mestre, come d’altra parte in tutte le maggiori piazze italiane, ma la solita offerta, fatta di musica e fuochi d’artificio, quest’anno si rinnova, dando vita ad una nottata tutta particolare, che regalerà le emozioni del Carnevale veneziano in un susseguirsi di spettacoli all’insegna della musica, della danza e delle maschere, tutte rigorosamente bianche.

Se volete passare un “Bianco Capodanno” sapete quindi dove andare.

Se invece alla piazza preferite il teatro, ecco il mio consiglio, ad un prezzo decisamente abbordabile.

Un capodanno tutto da ridere, con «HA HA HA» degli OKIDOK il 31 dicembre al teatro Goldoni dalle 21:00.

Uno spettacolo costruito su una successione di sketch, tanto improbabili quanto divertenti, dove l’insolito e l’imprevisto incrocia continuamente l’inventiva dei due buffi protagonisti in scena.

 

Spritz Happy Record

bar, piazza san marco, flash mob, spritz«A uno spritz gratis non si può dire di no» questa una delle frasi ricorrenti durante il flashmob che, il 29 giugno, ha visto 2567 persone, da ogni parte del mondo, radunarsi in piazza San Marco per bere quella che ormai è una delle icone della città Lagunare.

Lo Spritz, nelle sue diverse varianti, è da molti anni un classico a Venezia, e si sta facendo apprezzare ormai da qualche tempo anche fuori dal Veneto, grazie agli spot dell’Aperol, organizzatrice dell’evento collettivo che, nonostante il caldo torrido, ha saputo attirare in piazza migliaia di persona, tra veneziani, veneti, italiani di altre regioni, e stranieri da ogni parte del mondo.

Tutti, dopo aver indossato una maglietta arancione, hanno contribuito, con il loro corpo, a disegnare un bicchiere di spritz gigante, in un’area di ben 1250 metri quadrati.

Un bicchiere a testa, 1000 kg di ghiaccio e 100 di arance, ed è scattato l’«Aperol’s Spritz Happy Record».

Ed ora, onde evitare inqualificabili intrugli, spacciati come Spritz fuori dal veneto, ecco qualche consiglio per preparare correttamente questo aperitivo.

Consiglio 1: ormai si trova imbottigliato in molti supermercati, invece di improvvisarvi barman, in particolare se avete tra gli ospiti degli “intenditori” veneziani, acquistatelo.

Consiglio 2: se lo volete preparare voi, ecco le dosi, naturalmente non si tratta di una formula matematica, ma di un’opera d’arte, quindi prendetele come indicazioni “di massima”.

Spritz all’Aperol

  • 2 parti di Aperol
  • 3 parti di prosecco
  • 1 spruzzo di seltz o soda
  • Ghiaccio
  • Mezza fettina d’arancia e/o un’oliva verde

Spritz al Bitter

  • 5/6 di vino bianco secco
  • 1/6 di Bitter Campari freddo
  • 2 spruzzi di seltz

Spritz al Select

  • 3/5 di vino bianco secco
  • 2/5 di Select Pilla
  • 2 spruzzi di seltz

Fuori dal Veneto in genere si conosce solo quello all’Aperol, che comunque è il più popolare anche a Venezia.

Eventi natalizi in Piazza San Marco

natale, piazza san marcoPer Natale Venezia si veste a festa, arrivano i tradizionali mercatini, e Venezia Marketing Eventi ripropone, come aveva fatto anche lo scorso anno, un programma di appuntamenti davvero ricco. Tutti saranno aperti alla cittadinanza e ai turisti, e si svolgeranno sul palco allestito in Piazza San Marco, struttura che, dopo i cinque concerti e i due reading di Natale, ospiterà anche il consueto show della notte di San Silvestro, nell’ormai rodata formula di “Love”, che ovviamente in questa edizione diverrà “Love 2012”.

Si inizia oggi, mercoledì 21 dicembre, alle ore 17:00, alla presenza delle autorità cittadine, con il primo dei reading in lingua originale curati da docenti dell’Università Ca’ Foscari, che leggeranno brani a tema natalizio di autori da tutto il mondo. Si finirà invece il 28 dicembre, alle 12:00, con l’ultimo dei concerti del Quartetto di Ottoni del Conservatorio Benedetto Marcello, che eseguirà brani della tradizione natalizia adattati per l’occasione e per essere eseguiti solo da fiati.

L’iniziativa è realizzata il collaborazione con l’Associazione Piazza San Marco. La proposta di spettacoli si somma alle altre iniziative che la Città propone in Piazza per le festività natalizie: ogni giorno, a partire dall’imbrunire e fino alla mezzanotte, le Procuratie saranno illuminate dalle tradizionali luminarie offerte dall’azienda Co.Ve.Di. e verranno proiettate sul Campanile immagini a tema natalizio, mentre nella Piazzetta dei Leoncini sono stati installati un albero ed un presepe realizzati dall’azienda Thun.

 

Un ponte per gli innamorati

san-valentino.jpgDa quest’anno Venezia inserisce la Festa di San Valentino nel suo calendario di eventi. In occasione della festa degli innamorati, sia in Piazza San Marco che in Piazza Ferretto è stato allestito “il ponte dell’amore”, una riproduzione in scala di un tipico ponte veneziano sormontato da un cuore. Oggi, le coppie di innamorati che lo vorranno, dalle ore 12:00 alle 18:00, potranno farsi fotografare sul ponte e ricevere via email la loro foto ricordo, in modo rapito e completamente gratuito.

Ma non ci si ferma a questo, San Valentino a Venezia comprende numerose altre iniziative, tra cui l’estrazione di due gioielli in platino con diamante (per un valore complessivo 27mila euro) per i giocatori che si presenteranno nelle sedi del Casinò di Venezia e Ca’ Noghera; tariffe speciali negli alberghi cittadini; degustazione del menù degli innamorati nei ristoranti del circuito Venice Quality Food e per le coppie under 26 riduzioni sul prezzo della cena in alcuni dei più prestigiosi ristoranti di Mestre; votazione via web della più bella vetrina tra i negozi aderenti all’iniziativa “vetrine in rosso”; tariffe promozionali per le coppie che saliranno sui mezzi Alilaguna, etc…

Tutte le iniziative per “San Valentino a Venezia” sono consultabili sul sito dedicato alla manifestazione: www.sanvalentino.venezia.it.

Capodanno LOVE 2011

LOVE2011.jpgCi siamo, il 2010 sta per lasciare il posto al 2011, e ancora una volta la festa veneziana per il Capodanno farà battere i cuori degli innamorati con l’ormai collaudata formula di LOVE.

LOVE 2011 si appoggerà alla scenografica cassarmonica allestita in Piazza San Marco per gli eventi natalizi. Dopo il programma di concerti di musica classica e natalizia, la notte di San Silvestro la struttura ospiterà l’intrattenimento di Mauro Marino, più noto come Principe Maurice e la musica di Radio Italia. A mezzanotte il Bacino di San Marco diverrà teatro di uno spettacolo pirotecnico che illuminerà, come da tradizione, la Notte di San Silvestro. Per tutti, un brindisi a base di Bellini Canella, e il tradizionale bacio collettivo.

La programmazione di Piazza Ferretto a Mestre non si discosta di molto da quella veneziana, ma punta su un pubblico più giovane, che verrà intrattenuto da Sergio Labruna e dalla musica di Radio Italia.

Ecco uno schema di massima del programma di Piazza San Marco:

22:30 Inizio spettacoli
23:00 Si inizia a brindare col Bellini
00:00 Countdown, brindisi, bacio collettivo
00:15 Spettacolo pirotecnico in Bacino
00:30 Danze e auguri

La festa continua sabato 1 gennaio 2011, alle ore 11.00 presso il Blue Moon, al Lido di Venezia, con l’ormai tradizionale Bagno degli Ibernisti.

TANTI AUGURI PER UN FANTASTICO 2011!

Manutenzione, questa sconosciuta

leoncino.jpgCome drammaticamente evidenziato anche dal recente crollo della Domus dei Gladiatori a Pompei, il nostro immenso e bellissimo patrimonio storico ed artistico è in serio pericolo.

Non si tratta purtroppo di una novità, pare che troppo spesso il concetto di ordinaria manutenzione sia sconosciuto nel nostro Paese.

Pochi giorni fa a Venezia è accaduto un’altro evento che la dice lunga sull’argomento. Purtroppo solo l’ultimo di una serie difficilmente numerabile. Si è rischiato davvero grosso, in Piazzetta dei Leoncini, a fianco della Basilica di San Marco, quando una pietra si è staccata da un palazzo, sede di un albergo, finendo a terra, per fortuna quando sotto non c’era nessuno.

L’area è stata transennata, e la pietra è stata posta sotto sequestro, quasi fosse lei la colpevole.

Sono in corso i rilievi del caso per stabilire se altre parti della facciata dell’edificio siano a rischio, ma sarebbe bastata una ordinaria manutenzione per non arrivare a questo punto.

La pietra era un barbacane, ovvero un sostegno sporgente dal terrazzino di un albergo, ed è caduta mentre nella zona, solo per una fortunata casualità, non passava nessuno.

E’ tempo che ci rendiamo conto che in Italia potremmo vivere, senza nulla togliere ad altri settori molto produttivi e spesso anch’essi sottovalutati, solo di turismo. Il nostro straordinario patrimonio artistico non dovrebbe mai essere visto come un costo, come una seccatura, ma per quello che è, una straordinaria risorsa, che necessita di cure, ma che potrebbe ripagarci con interessi altissimi se solo avessimo l’intelligenza di capirne il reale potenziale.

Venezia è stata invasa

55598437.jpgCome ogni anno a carnevale Venezia ha subito un’invasione pacifica, colorata e chiassosa. Tante maschere, coriandoli, stelle filanti, dolci e scherzi. Tanti, tantissimi visitatori: pare che nell’ultima domenica di Carnevale si sia raggiunto il record di 150 mila presenze.

Un vero assalto di turisti a calli, campi e, naturalmente a Piazza San Marco. Ma anche vicino a casa mia ne ho visti davvero tanti, cosa piuttosto insolita. Per non parlare del ponte della Libertà, che collega Venezia a Mestre, che è stato chiuso per tre ore per poter smaltire l’imponente afflusso di auto private e pullman turistici.

Tra gli eventi che hanno contribuito ad attirare queste folle oceaniche, anche il concorso per la maschera più bella che è stato vinto da un gruppo di pantegane giganti. Sotto agli originali e goliardici costumi, un gruppo di sedici amici provenienti dall’Inghilterra. Anche l’acqua alta ha voluto partecipare alla festa e la sua presenza in piazza ha ritardato di circa un’ora – dalle 11.30 alle 12.30 – i festeggiamenti previsti per la premiazione. Intanto, a Mestre, si svolgeva l’ormai tradizionale “volo dell’asino”.

Inoltre, visto che domenica era anche San Valentino, in piazza San Marco spettacoli ed animazioni sono stati in buona parte dedicati agli innamorati.

Ci si prepara ora al gran finale di martedì grasso.

Inizia il carnevale

1186728451.jpgCi siamo, sabato 6 febbraio inizia il Carnevale di Venezia 2010, “Sensation: 6 sensi per 6 sestieri“.

L’evento d’apertura sarà, la sera di sabato in Piazza San Marco, “l’Arlecchino servitore di due padroni” interpretato da Ferruccio Soleri.
Spettacolo ad ingresso gratuito, alle ore 21:00.

Domenica 7, tutti col naso all’insù per vedere l’angelo del carnevale che si calerà dal campanile alle ore 12:00.

Sempre domenica, alle ore 15:00 da San Pietro di Castello partirà il corteo storico della Festa delle Marie, che si concluderà con l’arrivo in piazza, dove seguiranno momenti di spettacolo e rievocazioni storiche.

Il Carnevale continuerà con tantissimi altri eventi, di cui cercherò di dar notizia in questo blog, fino a martedì 16 febbraio 2010.

858455697.jpg
car01.JPG
car02.JPG
car03.JPG

Nuova vita per le Procuratie Vecchie

procuratie.jpgUn complesso lavoro di restauro conservativo, pulitura e consolidamento della facciata delle Procuratie vecchie, sul lato nord di Piazza San Marco, a Venezia, sarà portato a termine nei prossimi due anni, grazie ad un intervento privato.
Le Procuratie Vecchie, edificate nel XII secolo sotto il doge Sebastiano Ziani, si estendono per 152 metri dalla Torre dell’Orologio verso l’Ala Napoleonica, con un portico di 50 arcate a tutto sesto sormontate da 100 finestre sui due piani superiori.
Il restauro è stato annunciato nei giorni scorsi da “super condominio Procuratie Vecchie” (che cavolo di nome), gruppo nel quale Assicurazioni Generali è presente con il 56%.

L’operazione è stata resa possibile grazie al superamento delle controversie sorte nel passato tra i molti proprietari dei diversi immobili presenti nell’area, proprio con la costituzione del super condominio che si farà carico della spesa dell’intervento. I lavori avranno un costo di 1 milione 319 mila euro, l’80% del quale verrà da Assicurazioni Generali. Gli interventi, su tremila metri quadrati complessivi di superficie, riguarderanno anche le 50 arcate e le 100 finestre disposte su due file di piani della storica facciata sulla piazza.

Gli interventi procederanno per quattro fasi, dirette da Gretchen Alexander, cercando il più possibile di non intralciare le numerose attività commerciali presenti nella zona.

Soddisfazione per il restauro, che completa quelli già realizzati nel resto di Piazza San Marco, è stata espressa anche dal sindaco di Venezia Massimo Cacciari.