Colpo di scena sul tram

Ennesimo colpo di scena sul tram, il Comune di Venezia trova un accordo su tracciato e soldi. Scartata l’ipotesi del sovrappasso tra Mestre e Marghera, si ritorna al vecchio tracciato.

Al via la progettazione per la linea via Torino, Vega e Venezia. Dopo giornate davvero frenetiche tra riunioni di giunta e maggioranza e mesi di approfondimenti tecnici, la soluzione è arrivata a cinque minuti dall’inizio del consiglio comunale straordinario sul tram. Il sindaco Giorgio Orsoni, il vicesindaco Sandro Simionato e l’assessore alla Mobilità hanno reso così pubbliche le scelte del Comune.

Il Tram è un’infrastruttura essenziale e strategica per questa città e il nostro impegno è quello di ripartire immediatamente con i cantieri per arrivare nel più breve tempo possibile a Venezia e a Marghera, entro 30 mesi“. Ha detto, il sindaco Orsoni, che ha commentato l’atto di indirizzo che la Giunta veneziana ha deliberato e che indica la definitiva (si spera) scelta del governo cittadino sulla questione del tram.

Si tratta di una scelta ponderata in base all’economicità e alla velocità di conclusione del progetto. Speriamo sia davvero la volta buona.

Il Passante resiste all’esodo

445057943.jpgIl Passante di Mestre ha, in fine, superato il difficile esame dell’esodo nel secondo e più caldo weekend di Agosto.
Il bollino, che era già nero alle cinque di mattina, si è rapidamente sbiadito e, nel pomeriggio di sabato, il passante è uscito assolto dopo il caos di 32 chilometri di coda di sabato scorso che ne ha fatto un caso nazionale.
L’Antitrust annuncia ad ogni modo un’indagine, accusando i gestori di non aver informato a sufficienza gli automobilisti.
Le code ci sono state anche in questi giorni, sempre a causa della strozzatura di Quarto d’Altino dove le tre corsie diventano due. Ma la deviazione delle auto, la segnaletica sistemata venerdì per evidenziare le possibili alternative, gli interventi della Stradale, le partenze intelligenti (molti si son messi in macchina venerdì) hanno, nel complesso, funzionato bene.
Code si quindi, ma nella norma e nei limiti dell’accettabile in una delle giornate più calde dell’anno, in tutti i sensi.