Il Natale si avvicina

natale, san polo, mercatino, festeIl Natale si avvicina, e Venezia si sta già preparando. Torneranno le tradizionali luminarie e i mercatini.

Inoltre, da mercoledì 21 a mercoledì 27 dicembre 2012, se passate in Piazza San Marco, potrete assistere a dei concerti con musiche della tradizione natalizia, e ad altri momenti di intrattenimento in perfetto stile “White Christmas”, il tutto sullo scenografico palchetto allestito per l’occasione.

In fine vi segnalo l’opportunità di pattinare su ghiaccio in Campo San Polo, o se preferite in Piazza Ferretto a Mestre, fino al 17 febbraio 2013.

Ecco il video della pista in Campo San Polo, allestita lo scorso anno.

 

Buona Pasqua

colomba_pasquale.jpgUltimo post del blog prima di Pasqua, ne approfitto quindi per fare a tutti i miei migliori auguri e nel farlo riporto una notizia a tema, piuttosto curiosa.

L’assessore comunale al turismo di Venezia, Roberto Panciera, a proposito dell’offerta merceologica delle tradizionali bancarelle pasquali, ha criticato chi vende biancheria e casalinghi.

I mercatini pasquali – dice Panciera – non trasmettono una bella e qualificata immagine della città, nè tanto meno concorrono al sostegno dei prodotti artigianali locali”. Forse neanche i turisti sono “interessati a merceologie quali biancheria e casalinghi”, mentre probabilmente gradirebbero trovare proposte commerciali più legate alla tradizione cittadina.

Proposta che sicuramente farà discutere. Intanto continua l’eterna lotta tra i commercianti, in particolare i venditori di souvenir dell’area marciana e gli ambulanti, generalmente africani, che propongono vari articoli, in particolare le ormai onnipresenti borse di grandi marche contraffatte.

Spero che per tutti questi soggetti la Pasqua rappresenti un momento per riposarsi e rilassarsi un po’, magari anche appagando il palato tra colombe e uova.

Arrivano i mercatini etnici

vucumpra.jpgI cosiddetti Vu’ Cumprà, ovvero i venditori, quasi sempre abusivi di merce spesso contraffatta, sono una presenza abituale a Venezia che in alcuni casi li tollera in molti altri si combatte, scacciandoli, sequestrandone la merce e, in alcuni casi anche arrestandoli. Tutti provvedimenti che però si sono rivelati poco efficaci, di tanto in tanto si intensificano le operazioni di polizia e per un po’ le lenzuola bianche stese a terra e ricoperte di borse spariscono, ma poco dopo riappaiono in altri campi o calli, poco lontani.

Negli anni se ne sono provate tante, ma mentre le armi del comune apparivano spuntate gli ambulanti si sono informati ed organizzati e molti di loro oggi hanno un permesso di soggiorno e anche una licenza per la vendita, resta naturalmente il problema delle false griffe.

Proprio per limitare il fenomeno dei falsi il precedente sindaco, Cacciari, aveva emesso un’ordinanza che bloccava (quando ci si riusciva ovviamente) i borsoni pieni zeppi di borse a piazzale Roma, impedendogli di fatto di arrivare nei campi cittadini.

Ora però gli ambulanti, che come detto imparano in fretta a muoversi, hanno vinto il ricorso al tar contro quel provvedimento e adesso chiedono un incontro col nuovo sindaco, Orsoni, per discutere un progetto molto concreto, ovvero l’individuazione di aree del centro storico per l’allestimento di mercatini etnici con regolari assegnazioni degli spazi. Una proposta interessante, su cui spero si discuterà, ma che probabilmente non servirà a bloccare il fenomeno della vendita sregolata di merce contraffatta ad ogni angolo di strada.

Libro contro Libro

libri.jpgSettembre è alle porte e con esso l’inizio di un nuovo anno scolastico con tutte le spese che questo comporta, soprattutto per l’acquisto dei libri di testo. Un’ottima soluzione per abbattere questa importante spesa è come sempre rappresentata dal mercato dell’usato, settembre diventa quindi il mese dei mercatini dei libri usati, in particolare per gli alunni di scuole medie e superiori.

Questa tradizione è Venezia è stata codificata in un evento chiamato “Libro contro Libro” che prevede per settembre l’organizzazione di cinque mercatini promossi dall’Assessorato comunale alle Politiche sociali in collaborazione con le Municipalità di Venezia Murano Burano, di Marghera e di Chirignago-Zelarino.

Una buona occasione per risparmiare almeno il 50% ed essere allo steso tempo maggiormente tutelati rispetto all’acquisto in un normale mercatino senza nessuna regola o controllo. Cinque i mercatini organizzati per gli alunni delle medie. Il primo si terrà al Municipio di Marghera, in piazza Mercato, mercoledì 1 settembre e continuerà anche il 2 e il 6 settembre, dalle 16:00 alle 19:00, mentre i restanti quattro si svolgeranno nella sede del Palaplip di via San Donà 195 a Carpenedo, dal 6 al 10 settembre, dalle ore 9:30 alle 12:00 e dalle 16:00 alle 18:30; al Centro civico Manin in via Rio Cimetto 32 a Chirignago, lunedì 6 e mercoledì 8 settembre, dalle ore 16:30 alle 19:00; al Centro civico di via Ciardi 45/a di Zelarino, martedì 7 e giovedì 9 settembre, dalle ore 16:30 alle 19:00; a villa Groggia, a pochi passi da casa mia, nella parrocchia di Sant’Alvise, da lunedì 6 a giovedì 9 settembre, dalle ore 16:00 alle 19:00.

Gli studenti delle scuole superiori potranno invece contare su due mercatini ad essi dedicati: al PalaPlip, da lunedì 6 a venerdì 10 settembre, dalle ore 9:30 alle 12:00 e dalle 16:00 alle 18:30; a Villa Groggia, da lunedì 6 a giovedì 9 settembre, dalle ore 16:00 alle 19:00.

Si tratta di un’importante iniziativa che ha già registrato un successo notevole negli anni scorsi, con cui il comune vuole rispondere alle esigenze di risparmio delle famiglie ed educare i ragazzi al riutilizzo, evitando inutili sprechi.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa si può chiamare o inviare un sms al numero 348.3901439; Lasciare un messaggio in segreteria allo 041 5353735 o inviare una e-mail a: attivazione.risorse@comune.venezia.it.

Lotta al degrado

424059565.jpgAffissioni abusive, rifiuti, graffiti, si intensifica la lotta al degrado e a spingere sull’acceleratore sono i cittadini con continue segnalazioni e richieste d’intervento al Comune. Negli ultimi tre mesi ne sono arrivate 215 soprattutto riguardanti cartelli di annunci abusivi per affitti di camere e simili.

Ma c’è anche il problema delle immondizie, in particolare, il suggerimento che come molti mi permetto di dare al comune è piuttosto semplice e sintetico: “servono più cestini”. Ci sono zone, ad esempio il tratto compreso tra il ponte di Rialto e campo Santa Maria Mater Domini, dove non c’è alcun raccoglitore e, inevitabilmente, molti cedono e buttano cartacce o peggio a terra. In generale poi, anche dove sono presenti i contenitori sono spesso inadeguati per dimensione e numero. Come è noto i veneziani amano molto la loro città e non stupisce quindi che non ci stiano proprio a vederla degradata da rifiuti o graffiti, quindi non mi stupisce più di tanto che siano molte le chiamate e le e-mail che segnalano al Comune pubblicità abusive su muri e pali della luce, con annunci di stanze in affitto per universitari, lezioni private, vendita di auto, ecc… Un vero mercatino.

A giugno i dipendenti del Comune sono intervenuti comminando le prime multe, tra 200 e mille euro, per quella che ormai è una prassi piuttosto diffusa, ma le affissioni continuano. Altro oggetto di segnalazione sono i graffiti, ma i cittadini si lamentano anche per la segnaletica carente e l’illuminazione scarsa o mal funzionante, per panchine rotte e la scarsa cura di alcune zone di verde pubblico. I veneziani chiamano anche per masegni dissestati e fontanelle d’acqua pubblica chiuse senza preavviso o danneggiate.
Molte di queste segnalazioni vengono poi seguite da un intervento che, nella maggior parte dei casi termina nella soluzione del problema, ma molto resta da fare.

In ogni caso, la nota più positiva mi pare proprio la partecipazione attiva dei residenti che diventa fondamentale per migliorare la qualità della città, sia per quanto riguarda il centro storico che per il suo entroterra.

Il rispetto del territorio, soprattutto in un luogo di straordinaria bellezza come Venezia, è estremamente importante, ed è compito del comune informare e se serve educare a questo cittadini e turisti. A breve partirà a questo scopo una nuova campagna di informazione, tramite affissioni nei pontili lungo il Canal Grande, atta a promuovere le norme di comportamento da tenere in città.

Al via i saldi di The tourist

deep.jpgUna notizia interessante per i tanti appassionati di cinema e di memorabilia, ora che le riprese di The tourist, film girato a Venezia da Florian Henckel e interpretato da Angelina Jolie e Johnny Depp sono concluse, saranno messi in vendita gli arredi di scena, gli abiti e tutti gli altri oggetti usati nel film.

La pellicola, che uscirà presto negli USA, racconta le vicende di una agente dell’Interpol che sfrutta un turista americano nel tentativo di sfuggire ad un criminale con il quale in passato aveva avuto una complicata relazione.

Se volete portarvi a casa uno degli oggetti che rivedrete verosimilmente nel film, questa è la vostra occasione.

Divani, letti, librerie, panche, tavoli, scrivanie, poltrone e sedie, utensili vari, oggetti d’arredo, quadri, lampade, tappeti, biancheria, arredo bagno, valigie, vasi, candele, materiale da ufficio, ecc…

L’insolito mercatino dell’usato, in cui tutti gli oggetti saranno venduti a circa il 50% del loro prezzo di mercato, si terrà giovedì 3 e venerdì 4 Giugno dalle ore 10:00 alle ore 20:00 a Marghera in via Fratelli Bandiera, al n. 47.