Il sole saluta l’apertura del Carnevale

carnevale, maschere, san marco, angelo, marieDopo un sabato durante il quale ha diluviato, domenica è spuntato un bel sole e, in una Piazza San Marco assolata, sono state circa 70mila le persone che hanno assistito al tradizionale “Volo dell’Angelo” dal campanile.

Il Carnevale di Venezia è quindi ufficialmente iniziato. Oltre al corteo con le Marie, ad aprire la festa c’è stata l’emozionante discesa della ventenne Marta Finotto, studentessa veneziana, fasciata in un abito rosso e bianco stile “Mulin Rouge”.

Assicurata ad un robusto cavo metallico la giovane, eletta la Maria più bella nella scorsa edizione del Carnevale, ha planato dalla cella campanaria fino al Gran Teatro allestito in Piazza San Marco, tra l’entusiasmo di veneziani e turisti. Qui è stata accolta dalle maschere che interpretavano il Doge e i nobili della Serenissima, attorniati dalle 12 Marie di questa edizione del Carnevale.

Il corteo delle Marie in genere precede di un giorno il volo dell’angelo, ma visto il maltempo entrambi gli appuntamenti si sono tenuti ieri.

Io sono andato in Piazza nel pomeriggio, il tempo è rimasto buono fino a sera, e c’erano tantissime persone e delle belle maschere, perlopiù tradizionali. Un buon inizio di carnevale insomma.

 

Il Carnevale dei colori

carnevale, colori, concerticerti, marieSi può dire che le feste natalizie siano appena finite e già si parla di quelle per il Carnevale, che infatti a Venezia prenderà il via già il 26 gennaio, per chiudersi poi il 12 febbraio.

Saranno quindi 13 giorni, animati da tantissimi spettacoli, concerti, giochi e divertimenti.

Il filo conduttore di questa edizione saranno i colori: Il Carnevale dei colori, i colori del Carnevale.

Proprio nel segno del colore saranno tutti gli appuntamenti del ricco calendario dell’evento, dai concerti in Piazza San Marco, ognuno dedicato a un tema cromatico differente, alle danze storiche e alle tante performance nei campi, passando per aperitivi in musica e gli immancabili eventi dedicati ai più piccoli.

Un turbine di musica e colori che travolgerà tutti, miscelando innovazione e grandi appuntamenti della tradizione, come il Corteo e la Festa delle Marie. 

Caleidoscopio di colori anche per i tradizionali voli, da quello dell’Angelo allo Svolo del Leon in programma per martedì Grasso, quando a mezzanotte la Vogata del Silenzio, corteo silenzioso di barche dal Ponte di Rialto al Bacino di San Marco, chiuderà ufficialmente il Carnevale di Venezia 2013.

 

Aperte le selezioni per le Marie

1945451871.jpgIniziano i preparativi per il Carnevale di Venezia, uno dei più importanti appuntamenti dell’anno nella città lagunare. Tra gli eventi storicamente legati al carnevale veneziano, uno dei più noti è sicuramente la cosiddetta Festa delle Marie.

Anticamente, nel giorno della Purificazione di Maria, il 2 febbraio, era usanza far benedire tutti i matrimoni nell’allora sede vescovile di San Pietro di Castello. Nello stesso giorno venivano anche benedette le nozze di 12 fanciulle di umili origini che, per l’occasione, venivano sfarzosamente vestite e adornate con preziosi gioielli. Durante una di queste cerimonie ci fu un attacco da parte di pirati che rapirono le spose e rubarono loro i gioielli. La popolazione insorse per liberare le ragazze e recuperare i preziosi. La missione riuscì, ed è proprio in onore di questa vittoria sui pirati che venne istituita la Festa delle Marie.

Dodici anni fa, il regista veneziano Bruno Tosi, dato che la Festa cadeva nel periodo di Carnevale, d’accordo col Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche, ha deciso di recuperare questa antica tradizione.

In questi giorni si sono aperte le iscrizioni per le aspiranti “Marie” dell’anno. L’idea di questo particolare concorso di bellezza è venuta nel 1999 a Bruno Tosi, insieme a Venezia Marketing & Eventi, in collaborazione con il quotidiano più letto del nordest, “Il Gazzettino”.
Potranno iscriversi alla selezione tutte le ragazze italiane dai 18 ai 26 anni, residenti nella provincia di Venezia. Le selezioni si terranno il 18 febbraio a Ca’ Vendramin Calergi.

Anche quest’anno verrà eletta da una giuria la Maria dell’Anno, mentre ci sarà una Maria eletta con un apposito coupon dai lettori de “Il Gazzettino”, ed entrambe saranno incoronate in piazza San Marco.

Per la Maria dell’anno inoltre sono in palio due importanti premi: una crociera e l’accesso alle finali di Miss Italia.

 

Presentate le Marie del 2010

festa-delle-marie.jpgSono state presentate alla stampa e al pubblico nella sede del Casinò di Venezia le Marie 2010, ovvero le fanciulle che concorreranno per diventare la più bella del carnevale.
Questo appuntamento tipico del Carnevale in laguna ricorda un fatto storico: la liberazione di giovani rapite da pirati dalmati nel 946.

Anticamente, nel giorno della Purificazione di Maria, il 2 febbraio, era usanza far benedire tutti i matrimoni nell’allora sede vescovile di S.Pietro di Castello. Nello stesso giorno venivano anche benedette le nozze di 12 fanciulle di umili origini che, per l’occasione, venivano sfarzosamente vestite e adornate con preziosi gioielli in prestito.
Durante una di queste cerimonie ci fu un attacco da parte di pirati che rapirono le spose e rubarono i loro gioielli. La popolazione insorse e si organizzò in massa per liberarle e recuperare i preziosi sottratti. La missione riuscì, ed è proprio in onore di questa vittoria sui pirati che venne istituita la Festa delle Marie, che prevedeva il sorteggio delle dodici fanciulle tra le più belle appartenenti ai ceti poveri e il sorteggio delle famiglie patrizie che si sarebbero occupate di vestirle e agghindarle per l’occasione.
Col tempo si pensò, per puntare l’attenzione sulla festa religiosa piuttosto che su queste reginette di bellezza ante litteram, di sostituire le ragazze in carne ed ossa con delle riproduzioni lignee.
Pare, tra l’altro, che il termine “Marionetta” derivi proprio da questo fatto e si usasse, inizialmente, per indicare piccoli fantocci per bambini detti “Marie di legno” (o “Marióne”).

12 anni fa, il regista veneziano Bruno Tosi, dato che la Festa cadeva nel periodo del Carnevale, d’accordo col Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche, ha deciso di recuperare questa antica e particolarissima tradizione nella sua versione originale, con ragazze in carne ed ossa.
Da quel momento la festa delle Marie si ripete tutti gli anni a Carnevale con la premiazione, nell’ultimo giorno della manifestazione, della “sposa” più bella.
Le ragazze selezionate a gennaio da una giuria, hanno un’età media di 20 anni e risiedono tutte nella provincia di Venezia, si faranno conoscere attraverso una serie di appuntamenti di «Sensation 2010» e nella serata dell’11 febbraio si contenderanno l’ambito scettro di Maria dell’Anno.