Ferragosto in laguna

concerto, marciana, agostoOggi è il 15 agosto, quindi il post ideale è naturalmente dedicato proprio al Ferragosto a Venezia.

Iniziamo con un piccola parentesi personale, d’altra parte questo è un blog. Io passerò il ferragosto a casa, ho fatto le vacanze a luglio. Forse uscirò nel pomeriggio per fare due passi, per il resto prevedo di riposarmi facendo la spola tra letto, sedia e divano. Lavorerò un po’ al computer e, se proprio sarò sopraffatto dai buoni propositi, pulirò un po’ casa.

Per chi invece volesse dedicarsi ad attività un po’ più interessanti, e godersi al meglio Venezia, anche solo per poche ore, ecco qualche suggerimento.

Per prima cosa diciamo che una visita a Venezia, anche senza progetti o mete particolari, può comunque permettervi di passare una bella giornata, così come un fine settimana, o una vacanza più lunga, di cose da fare e da vedere ce ne sono sempre tante, e anche se trovaste negozi o musei chiusi, soltanto passeggiando senza meta, e guardandovi attorno, troverete cose bellissime.

Detto questo, di musei, negozi, ristoranti, ecc… aperti a ferragosto ce ne sono, e pure tanti, quindi avrete solo l’imbarazzo della scelta. Cosa fare, e cosa vedere, dipenderà solo dai vostri gusti.

Tra i musei “aperti per ferie” segnalo le sale monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, che meritano di sicuro una visita, specie se non ci siete mai stati, inoltre proprio per Ferragosto, questi splendidi spazi ospiteranno anche un concerto del pianista giapponese Seki Takahiro.

 

Il Giorno della Memoria 2011

memoria.jpgIl 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, è il “Giorno della Memoria“. A Venezia, che da secoli vede la presenza di una comunità ebraica estremamente attiva e radicata, verranno esposti decine di documenti provenienti dall’Archivio di Stato cittadino, testimonianze di deportazioni compiute a Venezia dopo l’emanazione delle leggi razziali.

Tra questi un fonogramma del 31 dicembre 1943 che comunica dalla stazione di Santa Lucia la partenza alle 12:20 di un treno con 93 ebrei veneziani deportati in un campo di concentramento.

Questi ed altri importanti documenti di quel buio periodo della nostra recente storia, saranno raccolti da oggi nella mostra “1938-1945. Le persecuzioni degli ebrei in Italia. Documenti per una storia”, promossa dalla Biblioteca Nazionale Marciana in collaborazione con l’Associazione “Figli della Shoah”.

Biblioteca Nazionale Marciana
San Marco 07 – 30124 Venezia
Dal 26 gennaio al 12 febbraio 2011
Ingresso libero

Personale di Aldo Andreolo

aldo_andreolo_donna_seduta.jpgLa Biblioteca Nazionale Marciana, considerato il notevole successo di pubblico della mostra, ha deciso di prorogare “Aldo Andreolo. METAMORFOSI” fino al 30 agosto.
Una buona occasione, per chi ancora non avesse visitato l’esposizione che intende riscoprire il complesso itinerario creativo di Aldo Andreolo, allievo di Giuseppe Cesetti all’Accademia di Belle Arti di Venezia.
L’artista veneziano ha visto nel tempo la trasformazione, a volte anche radicale, di alcune immagini emblematiche della sua pittura, che hanno reso il suo percorso creativo estremamente ricco ed interessante e, ad oggi, ben lontano dalla sua conclusione.
I 20000 visitatori della mostra alla Marciana testimoniano come l’arte contemporanea possa appassionare il grande pubblico se è di qualità.

La mostra è visitabile dalle 10 alle 19, con ingresso dal Museo Correr dalle 10 alle 18.