Mose ultimato al 65%

1255760444.jpgContinuano i lavori per il MOSE, l’ultimo, recente, capitolo è stata la posa delle fondazioni su cui verranno imperniate le barriere mobili della gigantesca opera idraulica che mira a difendere Venezia dalle alte maree.

Il M.O.S.E., ovvero Modulo Sperimentale Elettromeccanico comincia così finalmente a prendere forma: nell’ultimo mese sono state installate le porte della conca di navigazione, l’area che servirà a far transitare comunque le imbarcazioni dirette in laguna, anche a barriere chiuse, all’altezza della bocca di Treporti.

Sono poi state anche avviate le operazioni per il varo e il posizionamento finale degli alloggiamenti della barriera di paratoie, parte di primaria importanza nel progetto.

Le barriere troveranno posto in una lunghissima lingua di alloggiamenti che uniscono, sott’acqua, le singole estremità delle bocche di porto, che collegano mare e laguna. Da questi alloggiamenti emergeranno, ruotando come se fossero delle porte incardinate al fondo marino, le paratoie mobili che, riempite d’aria emergeranno e fermeranno l’incedere della marea. 

Ad oggi, secondo i dati comunicati dal Consorzio Venezia Nuova, i lavori per la realizzazione del Mose, che costerà circa 5,5 miliardi, sono arrivati al 65%, chissà quanto dovremo ancora aspettare per scoprire se funzionerà.

Cambiando discorso vi segnalo una simpatica applicazione per iPhone: Secret Venice.

Secret Venice

E’ un’applicazione disponibile in versione Lite (gratuita) e completa, a pagamento.

Io per ora ho scaricato e testato quella Lite, che potete trovare a questo link, oppure cercando nell’App Store “Secret Venice” direttamente da iPhone.

Nell’App trovate i testi e l’audio di tre storie misteriose raccolte dallo scrittore veneziano Alberto Toso Fei, specializzato in leggende e tradizioni lagunari.