In mostra a Venezia 2.500 anni di monete false

monete false, palazzo ducale, gdf, euro falsi, lire falseLe monete affascinano collezionisti e non solo, sono una testimonianza importante della nostra storia, pertanto una mostra ad esse dedicata è sempre un’occasione di studio e confronto. Ma la mostra promossa a Venezia dal Comando generale della Guardia di Finanza è decisamente più originale delle solite mostre numismatiche, infatti al centro dell’esposizione ci sono monete false, spesso messe a confronto con quelle originali.

La falsificazione delle monete, è un fenomeno vecchio, praticamente quanto le monete stesse, infatti i più antichi esemplari in mostra hanno circa 2.500 anni, essendo di epoca greco-romana, ma naturalmente non manca anche uno sguardo, in questo caso più preoccupato, verso l’oggi, con le falsificazioni, spesso davvero ben fatte, dell’euro.

Attraverso l’esposizione di prestigiose collezioni provenienti dai più importanti musei italiani, la mostra “Il Vero e il falso” a Palazzo Ducale, permetterà a tutti uno stimolante viaggio alla scoperta della contraffazione monetaria. 

Dopo aver fatto tappa in altre 8 città italiane, la mostra è ora arrivata in laguna. E’ strutturata per aree tematiche, ed espone anche alcuni dei più clamorosi casi di contraffazione, mettendo a confronto gli esemplari originali con quelli fasulli. Vi si possono ammirare le serie complete delle banconote in lire emesse dalla Banca d’Italia, ma anche esemplari della famosa collezione di Vittorio Emanuele III, la più importante al mondo di monete medievali italiane. 

Non manca una stamperia clandestina, ricostruita in un angolo di Palazzo Ducale, con tanto di poster di Totò e Peppino ne “la banda degli onesti”. 

A completare questo interessante viaggio tra vero e falso, anche un’area riservata alla “moneta elettronica”, con informazioni molto utili, visto che tutti noi usiamo bancomat e carte di credito, sottoponendoci, potenzialmente, a non pochi rischi.