Guardiamo al 2020, altro che Maya

Paes, traffico, energiaMentre aumenta il numero di chi parla, più o meno seriamente, della fine del mondo, c’è chi guarda al futuro, e lo fa in modo molto concreto, attraverso un piano d’azione che ha come obbiettivo la progressiva riduzione dell’inquinamento, e lo sviluppo dell’utilizzo delle energie rinnovabili.

Il consiglio comunale di Venezia ha approvato all’unanimità, proprio in questi giorni, il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (Paes), che rientra nell’ambito del programma conosciuto come “Patto dei sindaci”. Il principale movimento europeo rivolto alle amministrazioni locali che, aderendo su base volontaria, si impegnano ad aumentare l’efficienza energetica e l’uso di energie rinnovabili sul loro territorio.

Sottoscrivendo il Patto, le amministrazioni locali contribuiscono al raggiungimento dell’obiettivo “20-20-20” che l’Unione Europea si è prefissata di raggiungere entro (appunto) il 2020.

Nel dettaglio l’obbiettivo prevede la riduzione delle emissioni di gas serra di almeno il 20% rispetto al 1990.

Che il 20% del consumo di energia dell’UE provenga da fonti rinnovabili, e di ridurre del 20% i consumi energetici europei, attraverso il miglioramento dell’efficienza energetica.

Nel Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile sono definite le misure concrete attraverso le quali si intendo raggiungere questi importanti obiettivi, nei tempi stabiliti.

Per Venezia raggiungere l’obbiettivo significherà una riduzione di oltre 300 mila tonnellate annue di gas serra, grazie a interventi che porteranno a un maggior ricorso a fonti rinnovabili, a un recupero di efficienza energetica, a riassetti urbanistici, a nuove forme di illuminazione e riscaldamento e allo sviluppo di una mobilità locale sempre più sostenibile.

 

L’ecorivoluzione della luce

lampioni, economia, ambienteRendere Venezia all’avanguardia rispetto alle più grandi città del mondo, è un obbiettivo ambizioso e complesso da raggiungere, se poi si desidera perseguirlo “a costo zero” per il Comune, la sfida pare persa in partenza, ma non è affatto così.

In molti casi Venezia ha dimostrato di saper stare al passo con i tempi e, addirittura, di essere capace di innovare.

L’ultima sfida riguarda l’impianto di illuminazione urbana, che spesso avviene attraverso lampioni molto belli e caratteristici, ma basati su tecnologie obsolete, ad esempio sul piano del risparmio energetico.

Gli interventi per il loro ammodernamento saranno a carico dell’Ati di imprese (Citelum Sa, Gemmo Spa e Consorzio Cooperative Costruzioni Soc. Coop.), che dal 1 gennaio 2012 gestisce l’illuminazione pubblica cittadina dopo essersi aggiudicata il relativo bando.

Si parla già di una “ecorivoluzione della luce” che porterà l’illuminazione pubblica del centro storico di Venezia ad essere più efficiente, economica e rispettosa dell’ambiente. 

Si farà ampio ricorso all’ormai collaudata tecnologia Led e, in alcuni casi, all’auto alimentazione col fotovoltaico, come già avviene su alcune luci poste sulle briccole per segnalarne la presenza.

Si stima che nei prossimi anni, attraverso questi interventi, ci sarà un abbattimento di circa 4.500.000 KgCo2/anno, oltre ad una drastica riduzione dei costi di gestione da parte del Comune.

 

Visita la pagina di Virgilio Venezia su Facebook

Segui Virgilio Venezia anche su Twitter

Vota le news di
Virgilio Venezia

Risparmiare energia per migliorare l’ambiente

energia, mestreRisparmiare energia per migliorare l’ambiente“: questo il titolo della prima delle due domeniche ecologiche promosse dagli Assessorati comunali all’Ambiente, alla Mobilità e ai Lavori pubblici e dalla Municipalità di Mestre Carpenedo, in collaborazione con Avm, Legambiente Venezia e Agire.

Ieri, 26 febbraio, auto ferme, dalle 10:00 alle 18:00 nell’area interna di Mestre delimitata a nord e a est da via Martiri della Libertà, a ovest dalla Tangenziale e a sud dalla linea ferroviaria. Le auto provenienti da fuori città hanno potuto accedere ai parcheggi scambiatori di villa Tivan, Cimitero, via Buozzi, Rampa Cavalcavia, Stazione e via Torino, ed è stato possibile viaggiare in autobus tutto il giorno con il biglietto Ecobus 24 al prezzo di 1,80 euro. 

In piazza Ferretto, dalle 11:00 alle 18:00, hanno trovato spazio punti informativi sulle tecnologie e i materiali utilizzabili per migliorare l’efficienza energetica delle nostre abitazioni. Alle 12:00 s’è tenuta invece la premiazione del concorso “L’energia pulita per il tuo futuro” rivolto alle scuole primarie e promosso dal servizio di Educazione ambientale del Comune di Venezia.

La seconda “Domenica ecologica” del 2012 è programmata per il primo aprile e avrà per tema la mobilità sostenibile.

 

Arrivano i biovaporetti

vaporetto.jpgA Venezia stanno per arrivare i biovaporetti, dei nuovi vaporetti alimentati con biocarburante, che affiancheranno in futuro mezzi pubblici alimentati ad idrogeno ed energia solare.

L’annuncio è stato dato nella giornata dei “biocarburanti per una mobilità sostenibile”, promossa a Vallevecchia di Caorle dalla Regione Veneto e da Veneto Agricoltura, all’annuncio è seguita la presentazione del progetto Biosire (Biofuels and Electric Propulsion Crating Sustainable Transport in Tourism Resorts), finanziato dal programma Intelligent Energy for Europe, teso a promuovere il mercato delle energie rinnovabili e del risparmio energetico.

Il progetto del vaporetto a celle a combustibile a idrogeno per Venezia è stato invece denominato Vision, farà parte del piano del industriale del Ministero dello Sviluppo Economico per il 2015, relativo alla Mobilità sostenibile, e vedrà tra i partecipanti Fincantieri ed Ansaldo.

Vision, è a tutti gli effetti un mezzo elettrico alimentato a idrogeno ed elettricità fotovoltaica, prodotta da dei pannelli solari posti sul tetto del mezzo, che contribuirà a risolvere il problema dell’inquinamento in laguna provocato dai motori diesel convenzionali.

In attesa di un vaporetto completamente alimentato da fonti rinnovabili, solare in primis, mi pare interessante che la ricerca si stia muovendo per trovare alternative agli attuali carburanti.

Marghera Estate Village 2010

village.jpgTorna come tutte le estati (dal 1999) il Marghera Estate Village, nell’edizione 2009 la manifestazione si è posta provocatoriamente e ironicamente come medicina musicale, un “rimedio effervescente” contro la crisi, quest’anno l’obbiettivo sarà quello di proporre una vera e propria soluzione, un’idea pratica, semplice e realizzabile per risparmiare l’energia nel rispetto dell’ambiente.
Il risparmio energetico verrà realizzato in tempo reale, grazie al basso consumo delle sorgenti luminose della festa: palcoscenico, stand gastronomici, mercatino, ecc… tutto alimentato ad energia umana e fotovoltaica.

Ma veniamo al calendario dei prossimi eventi in programma per il mese di giugno. L’evento lo ricordiamo durera per tutta l’estate fino al 29 agosto.

Mercoledì 16 Giugno 2010
REUNION LATINA DO MUSICO VENEZIANO – reunion dell’Orquesta Precario – Marghera Salsera
L’Orchestra Precario, dopo aver annunciato il suo scioglimento nell’autunno dello scorso anno, non è voluta comunque mancare al Village, presentandosi con una formazione arricchita per rendere omaggio e ringraziare tutti coloro che, nel corso degli anni, hanno voluto sostenerla, partecipando sempre con entusiasmo agli eventi e ai concerti in cui si è esibita.

Giovedì 17 Giugno 2010
DON AIREY (dei Deep Purple) & TOLO MARTON – rock blues
Il gruppo che ha saputo mescolare il sound latino con il dialetto veneziano, adesso lo veste con la musica barocca del ‘700.

Venerdì 18 Giugno 2010
SILVERADO NEW COUNTRY BAND + FIREWOOD COUNTRY DANCERS – Country Nights
È la band di Venezia che, con la scuola dei Firewood Country Dancers, ha decretato l’esplosione del fenomeno western in provincia: saranno dunque loro ad aprire e chiudere le Country Night del Village!

Sabato 19 Giugno 2010
THE BLUESMOBILE BAND – tributo italiano ai Blues Brothers
Catapultati in uno dei film musicali più amati nella storia del cinema The Bluesmobile Band ripongono i brani più famosi di “The Blues Brothers” e gli sketches più esilaranti del film di John Landis.

Domenica 20 Giugno 2010
JENNIFER CABRERA e TANTABANDA – percussioni e danza afro – Balla che ti passa

Lunedì 21 Giugno 2010
“ALBADEAMENTE DAY 2010” – COM2YOU + LA MENTE DI TETSUYA feat. PHOENIX e i FIREEWAY
Il Marghera Village anche quest’anno riserva una serata di tributo musicale ad Alberto Zanon, la grande voce de la cover band La Mente di Tetsuya scomparsa due anni fa.

Martedì 22 Giugno 2010
INGLOMORENO – pop italiano / rock / reggae
Gli Inglomoreno, band veneziana fondata da Moreno Barbazza e Mario Tiffi, propone un sound piacevole e coinvolgente con testi cantati in italiano, in cui la matrice rock si arricchisce di volta in volta spaziando in mille atmosfere, dal reggae, alla salsa, passando per il pop.
Per maggiori informazioni e indicazioni su come raggiungere il Village visitate il sito: www.villagestate.it

M’illumino di meno

Mi-illumino-di-meno.jpgMi prendo una piccola pausa dai miei post sul carnevale per parlarvi di un argomento che mi sta particolarmente a cuore, il risparmio energetico.

Oggi, infatti, si celebra la sesta edizione di “M’illumino di meno“, la giornata del risparmio energetico nata da una brillante intuizione dalla popolare trasmissione radiofonica di Radio 2, Caterpillar.
Dopo il successo delle scorse edizioni, quest’anno il simbolico “silenzio energetico” si trasforma in un invito a partecipare in modo più attivo ad una vera e propria festa dell’energia pulita.

In molti campi veneziani, accanto agli stand gastronomici e ai palchi per gli eventi musicali del carnevale, ci sono da qualche giorno gazebo che danno informazioni sulle iniziative di “M’illumino di meno” e raccolgono lampadine usate.

Oggi, in occasione di questa iniziativa, verrà anche organizzato, in collaborazione con il Laboratorio Novamusica di Venezia e con la Municipalità di Venezia Murano e Burano, uno speciale evento musicale gratuito dal titolo “ON|OFF concerto al buio” presso il Teatrino Groggia a Cannaregio, a due passi da casa mia.
Il concerto, nel rispetto dell’iniziativa e come suggerisce il suo stesso titolo, si svolgerà interamente senza alcun ausilio elettrico.
Gli spettatori saranno accolti in sala da personale munito di torcia che indicherà loro la strada e li accompagnerà, se necessario.

Oltre a Venezia sono molte le città italiane ad aderire a “M’illumino di meno”, in vari modi, tra queste Torino, Milano, Genova, Trieste, Trento, Bologna, Firenze, Ancona, Perugia, Viterbo, Campobasso, Potenza, Bari, Napoli e Reggio Calabria.

Separa e vinci

rifiuti.jpgLa gestione dei rifiuti è un tema sempre attuale, così come quello del riciclaggio.
Ogni anno Veritas (Veneziana Energia Risorse Idriche Territorio Ambiente Servizi) spende oltre un milione di euro per la raccolta, sul territorio del comune di Venezia, dei rifiuti abbandonati o non avviati correttamente al riciclo.
Si tratta, va sottolineato, di soldi pubblici che potrebbero essere risparmiati se ogni cittadino si impegnasse maggiormente a rispettare le norme esistenti. Parte da qui l’idea alla base di ‘Separa e vinci’, una innovativa campagna d’informazione e sensibilizzazione per una corretta divisione dei rifiuti.

Separa e vinci‘, promossa per il secondo anno consecutivo dall’Assessorato comunale all’Ambiente è stata presentata nei giorni scorsi a Marghera in una conferenza stampa.
Ma di cosa si tratta? Gli ispettori ambientali di Veritas eseguiranno dei controlli a campione per verificare che i rifiuti vengano depositati correttamente: ad ogni cittadino virtuoso incontrato dagli ispettori durante i loto controlli, verrà rilasciato un coupon per poter partecipare all’estrazione di 200 premi. Si tratta, per restare in tema di rispetto per l’ambiente, di prodotti di agricoltura biologica, che saranno consegnati ai vincitori sabato 12 dicembre.

Naturalmente, chi invece verrà sorpreso ad abbandonare i rifiuti in luoghi non autorizzati o a non separare l’immondizia correttamente, riceverà una contravvenzione.