Tutti i voli del carnevale

Francesca Piccinini, Andrea Spiller, carnevale, piazza san marcoDopo il volo dell’angelo e quello della pantegana, in questo post vi parlo di quelli dell’asino e dell’aquila.

Sabato e domenica (ieri) fine settimana all’insegna del Carnevale, con tanti eventi, feste e divertimento. 

In laguna sono arrivati circa 140 mila turisti che hanno sfidato il gelo e sono stati premiati da un po’ di sole.

Molti hanno scelto il treno per raggiungere Venezia, e anche Mestre ha avuto la sua parte con il Volo dell’Asino (il giocatore di hockey Andrea Spiller) calatosi dalla torre di Piazza Ferretto a fare il verso al Volo dell’Aquila, che in Piazza san Marco ha visto invece librarsi dal campanile la pallavolista Francesca Piccinini, accolta da una folla festante e fotografante.

 

Il sole saluta l’apertura del Carnevale

carnevale, maschere, san marco, angelo, marieDopo un sabato durante il quale ha diluviato, domenica è spuntato un bel sole e, in una Piazza San Marco assolata, sono state circa 70mila le persone che hanno assistito al tradizionale “Volo dell’Angelo” dal campanile.

Il Carnevale di Venezia è quindi ufficialmente iniziato. Oltre al corteo con le Marie, ad aprire la festa c’è stata l’emozionante discesa della ventenne Marta Finotto, studentessa veneziana, fasciata in un abito rosso e bianco stile “Mulin Rouge”.

Assicurata ad un robusto cavo metallico la giovane, eletta la Maria più bella nella scorsa edizione del Carnevale, ha planato dalla cella campanaria fino al Gran Teatro allestito in Piazza San Marco, tra l’entusiasmo di veneziani e turisti. Qui è stata accolta dalle maschere che interpretavano il Doge e i nobili della Serenissima, attorniati dalle 12 Marie di questa edizione del Carnevale.

Il corteo delle Marie in genere precede di un giorno il volo dell’angelo, ma visto il maltempo entrambi gli appuntamenti si sono tenuti ieri.

Io sono andato in Piazza nel pomeriggio, il tempo è rimasto buono fino a sera, e c’erano tantissime persone e delle belle maschere, perlopiù tradizionali. Un buon inizio di carnevale insomma.

 

Carnevale Internazionale dei Ragazzi

carnevale, françois pinault, biennale, Charles RayTra i molti avvenimenti del carnevale veneziano, che ormai sta entrando nel vivo, c’è anche il Carnevale Internazionale dei Ragazzi, un interessante progetto Educational della Biennale, che intende sollecitare la creatività e la partecipazione dei ragazzi al grande vento, con spettacoli, mostre e laboratori durante i quali si creeranno maschere e costumi, stimolando creatività e manualità.

Ragazzi inclusi e coinvolti nel carnevale, del quale diventano protagonisti e ragazzi esclusi, che lasciano il loro posto, come quello (con la rana) di Charles Ray.

In punta della Dogana, a Venezia, tornerà il lampione al posto del “ragazzo con la rana”, la scultura di Charles Ray installata nel 2009 dalla Fondazione Pinault. 

Il lampione tornerà all’insegna dell’ormai celebre motto, “Com’era, dov’era”, sarà infatti ricollocato sul sito che guarda il Bacino di San Marco e sarà maggiormente fedele al lampione originario, di epoca post-unitaria, rispetto a quello che lo aveva sostituito, verso la metà degli anni ’60 e che aveva poi lasciato il posto al “ragazzo con la rana”. Ad annunciare il ritorno del lampione è stato il direttore generale del Comune Marco Agostini, ma non ho capito dove verrà sistemata la scultura.

carnevale, françois pinault, biennale, Charles Ray

 

Il volo della pantegana

topo, barche, canal grande, canali, cannaregio, carnevale, maschereUna pantegana gigante (e volante) a bordo di un burcio (barca tipica) ha aperto in Canal Grande a Venezia il Corteo Acqueo delle Remiere per il carnevale 2013. Una delle prime manifestazioni di questa edizione del carnevale veneziano.

Il grande topo realizzato in polistirolo, accompagnato da figuranti vestiti da dame e cavalieri e da un’orchestrina che interpretava motivi veneziani in chiave rock e swing, simboleggiava ironicamente, secondo gli organizzatori dell’evento, l’imminente ”fine” della città abbandonata da tutti e lasciata in balia dei (giganteschi) roditori.

Le barche si sono radunate all’altezza del campo della Salute, si sono avviate lungo il Canal Grande, e hanno fatto volare la pantegana giù dal ponte di Rialto, per proseguire poi nel canale di Cannaregio, a due passi da casa mia.

Dall’acqua la festa si è poi trasferita sulle rive dove sono stati preparati numerosi stand enogastronomici che proponevano pietanze e beveraggi nel solco della più gustosa tradizione veneta.

Assieme al burcio, col sorcio, in navigazione una cinquantina di caorline e mascherate, con il resto del bestiario veneziano: la magoga, l’astice, il cavalluccio e il pesce, ma anche pinguini e tante altre variopinte creature, più o meno improbabili.

In corteo complessivamente ha coinvolto 300 persone, 200 vogatori e un centinaio di figuranti.

Peccato che, almeno per ora, tra il pubblico, numeroso ed incuriosito, di maschere se ne sono viste davvero pochissime, ma c’è tempo, siamo solo all’inizio.

 

Il Carnevale dei colori

carnevale, colori, concerticerti, marieSi può dire che le feste natalizie siano appena finite e già si parla di quelle per il Carnevale, che infatti a Venezia prenderà il via già il 26 gennaio, per chiudersi poi il 12 febbraio.

Saranno quindi 13 giorni, animati da tantissimi spettacoli, concerti, giochi e divertimenti.

Il filo conduttore di questa edizione saranno i colori: Il Carnevale dei colori, i colori del Carnevale.

Proprio nel segno del colore saranno tutti gli appuntamenti del ricco calendario dell’evento, dai concerti in Piazza San Marco, ognuno dedicato a un tema cromatico differente, alle danze storiche e alle tante performance nei campi, passando per aperitivi in musica e gli immancabili eventi dedicati ai più piccoli.

Un turbine di musica e colori che travolgerà tutti, miscelando innovazione e grandi appuntamenti della tradizione, come il Corteo e la Festa delle Marie. 

Caleidoscopio di colori anche per i tradizionali voli, da quello dell’Angelo allo Svolo del Leon in programma per martedì Grasso, quando a mezzanotte la Vogata del Silenzio, corteo silenzioso di barche dal Ponte di Rialto al Bacino di San Marco, chiuderà ufficialmente il Carnevale di Venezia 2013.

 

Fontego dei Tedeschi: cambia il progetto

polemiche, carnevaleNiente contestata terrazza a cielo aperto sul tetto, ma un belvedere coperto: Benetton rivede così il progetto di ristrutturazione del cinquecentesco palazzo veneziano del Fontego dei Tedeschi per renderlo meno “aggressivo”. 

Il nuovo progetto è stato già consegnato alla Soprintendenza ai Beni artistici e architettonici da Edizioni Property, la società immobiliare del noto gruppo industriale di Ponzano Veneto. Ad essere stata stralciata dal progetto è proprio la terrazza a vasca pensata dall’architetto olandese Rem Koolhaas, uno dei punti maggiormente in discussione, contro i quali s’era scagliata l’associazione Italia Nostra.

Ultime battute per il Carnevale 2012. Sabato 18, se sarete a Venezia, non perdetevi gli eventi del Carnevale: in Piazza San Marco vi segnalo la semi finale del Concorso per la Maschera più bella 2012, a seguire spettacoli circensi e una interessante sfilata di preziosi kimono giapponesi provenienti dalla città di Kyoto.

Domenica 19, oltre all’attesa finale che incoronerà la maschera più bella di quest’anno, segnalo un altro interessante evento, sempre in Piazza San Marco.

Se vi siete persi il tradizionale volo dell’angelo, potete recuperare con lo “svolo”.

Una grande emozione per il pubblico del Gran Teatro, con il recupero della tradizione delle “machine sceniche” rinascimentali della Serenissima, quando, sulla piazza di San Marco “svolavano” turchi, apparati scenici, barche e perfino animali. Protagonista dello “svolo” nel 2012 sarà l’atleta Fabrizia D’Ottavio, medaglia d’argento alle olimpiadi di Atene nella ginnastica ritmica.  

 

Un po’ di neve non guasta

carnevale, neveIeri mi son svegliato con la neve, ma è durata poco, il sole l’ha rapidamente sciolta, nonostante questo ghiaccio e vento, a tratti piuttosto forte, hanno minacciato l’avvio del carnevale, ma in fine la festa ha avuto il suo debutto ufficiale, come al solito in grande stile.

Tante le presenze in Piazza, nonostante il freddo polare e molti i veneziani ed i turisti che si sono mascherati.

Il vento ha fatto un po’ temere per l’angelo del Carnevale, ma alla fine Giulia Selero, vincitrice del concorso delle Marie dello scorso anno, è riuscita a toccare il suolo senza particolari problemi.

Il suo volo, partito dalla sommità del campanile, s’è concluso sul grande palcoscenico allestito in Piazza San Marco, a forma di Gran Teatro, dove è stata accolta dal Doge e dai nobili della Serenissima dando il via ufficiale alla festa.

Ora si fa sul serio e gli eventi si susseguiranno con ritmo davvero incalzante, fino alla conclusione prevista per il 21 febbraio.

Visto l’avvicinarsi di San Valentino, tra i tantissimi appuntamenti di questa edizione del Carnevale, vi segnalo oggi proprio una serata romantica da trascorrere in Piazza San Marco con la musica dell’amore, per celebrare al meglio il 14 febbraio. 

Dalle 19:00, dj set con animazione a tema “L’amore nel 2012”, con giochi e coinvolgimento del pubblico.

Dalle 20:45, la serata continua con la Venezia Suona Love band featuring the 3 love sisters, che suonerà dal vivo i brani d’amore più celebri degli ultimi 50 anni, e ogni amante potrà dedicare alla propria metà un brano del concerto direttamente dal palcoscenico.

 

Fine settimana all’insegna del Carnevale

2605384740.jpgVediamo assieme qualche appuntamento interessante per chi volesse passare il fine settimana a Venezia, naturalmente all’insegna del Carnevale e del teatro, tema di questa edizione.

Un’idea per venerdì potrebbe essere un concerto di musica sacra nella Chiesa di San Lio, a cura di MusicArtEnsemble in Venice.

I concerti iniziano alle 20:30 e per maggiori informazioni vi rimando a:

MusicArtEnsemble in Venice – tel. +39 342 1063921 

www.musicartensemble.com – info@musicartensemble.com

Sabato 11 febbraio in Piazza San Marco, ci sarà l’inaugurazione del Gran Teatro, con spettacoli circensi e il tradizionale concorso per la maschera più bella.

Verso le 16:00 altro tradizionale appuntamento, quello del Corteo delle Marie, che partiranno da San Pietro di Castello alle 14.00 per arrivare in Piazza San Marco dopo circa due ore. 

Alle 19:00 la musica cambia e si fa decisamente più moderna, con Dj set, happy hour ed animazioni.

Domenica il Carnevale prende definitivamente il volo con l’Angelo, che alle ore 12:00, scenderà dal campanile di San Marco.

Tante le sfilata di maschere, gli spettacoli e i concerti in programma, davvero per tutti i gusti.

Accompagneranno lʼevento il Corteo Storico del Doge e i gruppi mascherati in costume. A seguire, e fino alle 15:30 circa, gran kermesse di gruppi in costume, con danze, numeri circensi spettacolari e tanto altro. 

Dalle ore 19:00 tanta musica con i Dj in piazza, ma anche teatro e concerti Jazz.

 

Carnevale, vino e gelo

carnevale, vinoMentre il gelo imperversa, la laguna ghiaccia, tanto da richiedere l’intervento dei rompi ghiaccio, e le prime tubature dell’acqua esplodono, il Carnevale è entrato nel vivo.

L’Edizione 2012 è stata ideata da Davide Rampello (già direttore artistico di Canale 5 e presidente della Triennale di Milano) e ha, come ho già riportato in un precedente post, il tema del teatro.

L’apertura è stata il 4 febbraio, e tutto, nonostante il freddo pungente, è filato liscio, con l’arrivo a mezzogiorno in Punta della Dogana del Toro, una macchina scenica in legno che vi stazionerà per tutta la durata della carnevale, mentre alle 18:00, in Piazza San Marco, c’è stato un brindisi in costume alla Fontana del Vino, disegnata dal capo scenografo della Scala di Milano, Angelo Lodi.

La Fontana è tornata a far scorrere il vino in Piazza, riproponendo l’ottocentesca “ombra del Campanil”. Una antica tradizione che voleva i mescitori di vino in Piazza San Marco spostare il proprio banchetto all’ombra del Campanile, per tener sempre fresca la bevanda, da qui l’espressione dialettale “ombra de vin” per indicare un bicchiere di vino.

A rallegrare ulteriormente l’evento è intervenuto poi un corteo colorato e suggestivo con gruppi in costume, accolti presso la fontana dal Coro Tradizionale “DoReMi” che ha dato il via alle danze ed ai brindisi grazie ad un repertorio musicale che ha spaziato tra i più noti brani della tradizione veneziana, come l’Inno di San Marco, “Venezia, la luna e Tu” e “El Gondolier”.

 

Fine settimana in maschera

2605384740.jpgQuesto fine settimana, e precisamente sabato 4 febbraio, ha inizio l’attesissimo Carnevale di Venezia 2012.

Questo evento fino al 21 febbraio trasformerà la città lagunare in un teatro a cielo aperto con artisti di strada, balli, musiche e un gran finale, il concerto gratuito dei Modà in Piazza San Marco la sera di Martedì grasso.

Se sabato sarete a Venezia non fatevi sfuggire la possibilità di conoscerla e scoprirla da un punto di vista diverso, insolito e segreto, attraverso un percorso curato dallo scrittore veneziano Alberto Toso Fei e condotto tra le calli dagli attori della Compagnia Pantakin, che vi porteranno alla scoperta di luoghi e storie particolari, spesso leggendari, legati alle vicende dei personaggi più conosciuti o ai misteri più affascinanti della laguna. 

“A Venezia, la vita è Teatro”, questo è il titolo dell’iniziativa – ideata da Venezia Marketing & Eventi e prodotta da Expovenice, che lo scorso anno registrò un grande successo di pubblico – in questa edizione viene ripresentata con storie nuove, tutte modulate sul tema del Carnevale 2012: “La vita è Teatro. Tutti in maschera”. 

Sabato 4 febbraio e tutti i giorni da sabato 11 a martedì 21 febbraio 2012, con partenze dalla biglietteria di Piazza San Marco. Ogni itinerario sarà effettuato in italiano, inglese o francese.

Per ulteriori informazioni: tel. +39 041 309 0077

Da domenica 5 e per tutti i giorni del Carnevale, vi segnalo invece la possibilità di degustare un buon bicchiere di vino grazie alla Fontana Del Vino, altra iniziativa che, avendo riscosso notevole successo in passato, torna con nuova linfa in questa edizione.