Tutti al mare

piccioni, george clooney, gabbiani, lido, spiaggiaTempo di sole, di spiagge, di mare, ma non solo per i turisti in carne ed ossa, bensì, sempre più spesso, anche per quelli in piume e becco.

Gabbiani e colombi sempre più frequentemente pare facciano infatti la loro comparsa in mezzo ai bagnanti: a denunciarlo l’assessore comunale al Turismo, Roberto Panciera, che, dopo aver ricevuto numerose segnalazioni dai frequentatori, umani, di alcune spiagge del Lido, si è recato in loco per verificare di persona la situazione.

Ha visto “gabbiani e colombi che si mescolavano ai bagnanti a ridosso delle capanne dell’Excelsior: una condizione di assoluta emergenza, cui è bene porre rimedio quanto prima. Mi risulta, tra l’altro, che sia stato soppresso il servizio del falconiere che serviva a tenere lontano i volatili dalla spiaggia” – ha dichiarato.

Ma a ferragosto in laguna ci sono state anche presenze più gradite, come quella di George Clooney con la fidanzata Stacy Keibler (32enne ex wrestler, attrice e presentatrice), che hanno trascorso tre giorni all’hotel Cipriani, usato come appoggio per un visita all’isola di Torcello, una tappa al ristorante Da Ivo, dove Stacy pare essersi innamorata della cucina italiana, e una passeggiata nelle vicina Piazza San Marco, per la gioia di veneziani e turisti che li hanno incontrati.

 

Green Drop Award

premio, lido, mostra, cinemaLa 69a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia s’avvicina, e con essa il numero di curiosità, notizie, indiscrezioni e attese, per questo grande evento.

Tra le ultime notizie che riguardano questa edizione c’è la nascita di un nuovo premio collaterale, il Green Drop Award, che sarà assegnato dall’Associazione Green Cross Italia, e dal Comune di Venezia, al film in concorso, fra i 18 della Selezione ufficiale, che “meglio abbia interpretato i valori dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile, con particolare attenzione alla conservazione del Pianeta”. 

L’attenzione per le tematiche ambientali è (per fortuna) in costante aumento, e in un luogo di cultura come la Mostra del Cinema non si poteva certo evitare l’argomento.

“Si è voluto far coincidere la prima edizione del Green Drop Award con i venti anni dalla prima conferenza mondiale sull’ambiente di Rio de Janeiro e con i quaranta anni dalla storica Conferenza sullo sviluppo umano di Stoccolma. Abbiamo individuato la Mostra del Cinema di Venezia come naturale sede di un premio cinematografico dedicato all’ecologia – spiega Elio Pacilio, presidente di Green Cross Italia – in considerazione della preminente valenza ambientale della città, col suo meraviglioso quanto fragile ecosistema”. 

Il premio che andrà alla pellicola vincitrice, è stato soffiato da un maestro vetraio di Murano, e rappresenta una goccia d’acqua al cui interno trova posto un campione di terra che ogni anno proverrà da Paesi diversi. Quello dell’edizione 2012, la prima, giunge dal Brasile, dove si è da poco conclusa la nuova Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile.

 

Tutti i nomi della Mostra del Cinema 2012

lido, Kasia Smutniak, Noomi Rapace, Penelope Cruz, Jennifer Garner, Zac EfronSi avvicina la 69esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e ormai c’è sostanziale certezza sui nomi delle star attese al Lido, distribuite tra giuria, attori e registi in gara o di passaggio.

Madrina per la cerimonia inaugurale, il 29 agosto, sarà Kasia Smutniak, vedova di Pietro Taricone, nell’occasione verrà proiettato, The Reclutant Fundamentalist, diretto da Mira Nair. Proprio questa pellicola porterà al Lido Kate Hudson e Kiefer Sutherland. Poi sarà la volta di Laetitia Casta e Samantha Morton, presenti come giurate. Il fascino femminile non mancherà di certo in questa edizione grazie alla presenza di vere dive, tra le quali Isabelle Huppert, Wynona Ryder, Noomi Rapace, Susan Sarandon, Kristin Scott Thomas e la nostra Claudia Cardinale.

Attesissime anche le compagne di Javier Bardem e Ben Affleck, la cui presenza è però ancora in forse. Confermati invece tra gli ospiti Bardem e Affleck, che saranno a Venezia per il film To The Wonder di Terrence Malick, una delle pellicole più attese di questa edizione. Inoltre Affleck si presenterà anche in veste di regista con il suo terzo lavoro: Argo.

Potrebbero arrivare poi anche Penelope Cruz e Jennifer Garner, reduce dalla terza gravidanza.
James Franco e Selena Gomez saranno invece al Lido per presentare Spring Break, un’originale pellicola fuori concorso che racconta la storia di quattro amiche che decidono di rapinare un fast food per pagarsi la festa di primavera.

Robert Redford porta alla Mostra del Cinema il suo The Company You Keep, un film politico in cui si darà spazio all’interpretazione di Shia LaBeouf, in lista per il red carpet lagunare. Redford sarà poi a Venezia anche in veste di attore, insieme a Pierce Brosnan, per il film fuori concorso Love is all you need.

Venezia ospiterà poi anche l’idolo delle teenager Zac Efron e un sex symbol più amato dalle donne mature, Daniel Craig. Gérard Depardieu ed Emmanuelle Seigner chiuderanno la manifestazione con un’altro film fuori concorso L’homme qui rit di Jean-Pierre Ameris. Molto attesi anche Stanley Tucci, Nick Nolte, Michael Shannon e John Malkovich.

I 10 film ritrovati

3691604158.jpgChi non conosce la Mostra del Cinema di Venezia ed altri Festival dedicati alla settima arte, potrebbe avere una visione limitata, se non addirittura distorta di questi eventi.

Si tratta sicuramente di una passerella importante per divi o aspiranti tali, e di una vetrina internazionale per pellicole, spesso americane, spinte da ricchi budget, ma la Mostra del Cinema di Venezia è anche un’occasione unica per incontrare culture, lingue, stili e tradizioni a cui difficilmente viene dato spazio nel circo mediatico.

Alcuni dei tanti film, spesso di registi e con attori sconosciuti, che invadono ogni anno la laguna, non verranno più proiettati e visti da nessuno. Non avranno un mercato, rischiando, in molti casi, di essere completamente dimenticati.

Proprio per dare visibilità a queste pellicole, dove spesso si trova la vera qualità della Mostra, si è deciso quest’anno, in occasione del suo 80^ anniversario, di dedicare la tradizionale retrospettiva a 10 film rari, recuperati dagli archivi Aasac (Archivio Storico delle Arti Contemporanee) della Biennale.

Si tratta di titoli che non sono mai stati restaurati e non disponibili su dvd o altre piattaforme. Ad anticipare questa scelta è stato Alberto Barbera, il nuovo direttore della Biennale Cinema. “Abbiamo – ha dichiarato – individuato i 10 titoli e tra questi abbiamo una copia, unica, di un film delle Filippine dato per perduto e mai arrivato in occidente se non alla Biennale. I film verranno quindi restaurati in digitale e verranno presentati in Mostra […] uno al giorno”.

 

Ca’ Foscari Short Film Festival II edizione

università, festivalSi concluderà domani (sabato 31 marzo) la seconda edizione del Ca’ Foscari Short Film Festival.

Il Festival di cortometraggi organizzato dall’Università Ca’ Foscari di Venezia che in questa seconda edizione, dal 28 al 31 marzo 2012, è stato suddiviso in tre differenti programmazioni:

  • Il concorso internazionale di cortometraggi realizzati dagli studenti di cinema, scienze della comunicazione, o studenti universitari che frequentino corsi di cinema.
  • Il concorso di cortometraggi realizzati da studenti degli Istituti Superiori della Regione Veneto.
  • I cortometraggi fuori concorso, le retrospettive e le rassegne speciali.

Tra gli eventi speciali l’omaggio a Francesco Pasinetti, iniziato durante la scorsa edizione. Il regista veneziano, famoso soprattutto per il suo lavoro di teorico e per essere stato il primo studente a laurearsi con una tesi sul cinema in Italia, è ancora oggi poco conosciuto e studiato, anche dagli addetti ai lavori,

Grazie agli sforzi del Festival si prova a sopperire a questa lacuna, proponendo in anteprima quattro suoi cortometraggi, dei documentari nei quali Pasinetti affronta, con approccio innovativo, quattro tematiche differenti.

Un documentario “didattico” sulle orme di Giacomo Leopardi, un documentario “sociale” intitolato “Nasce una famiglia”, un documentario “industriale” sul Vajont e un documentario “artistico” dedicato agli impressionisti.

 

Venezia si apre al mercato… dei film

lido, cinemaLa mostra del Cinema è ancora piuttosto lontana, ma c’è molto lavoro da fare, soprattutto da un punto di vista logistico, visto che il nuovo e discusso palazzo del cinema non sarà pronto prima di diversi anni.

Ma quest’anno, la mostra che andrà in scena al Lido, dal 30 agosto al 3 settembre, non riserverà solo novità legate a nuovi spazi e ristrutturazioni di quelli esistenti, c’è ben altro in ballo, ma andiamo con ordine. Il Cda della Biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta, dopo una recente riunione, ha preso significative decisioni nell’ambito della riqualificazione degli spazi utilizzati dalla Mostra.

D’intesa col Comune di Venezia continuerà l’opera di restauro della Sala Grande, iniziata nel 2011, ed inizieranno i lavori per la realizzazione di un nuovo, più ampio e funzionale, foyer del Palazzo del Cinema, che verrà adibito all’accoglienza del pubblico, dopo un intervento negli spazi dell’avancorpo al piano terra del Palazzo. L’intervento prevede anche il rinnovo delle due salette storiche Pasinetti e Zorzi, con un ampliamento complessivo di 50 posti. La Sala Volpi, che porta il nome del fondatore della Mostra del Cinema di Venezia, (ricavata a suo tempo riducendo il foyer) ormai risulta del tutto inadeguata per qualità e caratteristiche, e sarà pertanto temporaneamente sostituita da una nuova sala al primo piano del Casinò. La Sala Volpi (con i suoi 150 posti) tornerà successivamente a vivere in una nuova e più degna collocazione all’esterno del Palazzo.

Ma veniamo ora alla vera novità della 69° Mostra del Cinema, si tratta di un ambizioso progetto per portare in laguna un nuovo Mercato del Film (il Venice Film Market) proposto dal Direttore Alberto Barbera, e che si affiancherà all’Industry Office, per incrementare così la capacità di attrazione verso gli operatori della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Il Mercato si concentrerà nei primi giorni dell’evento, da giovedì 30 agosto a lunedì 3 settembre, e sarà allestito in appositi spazi all’Hotel Excelsior. Responsabile del Mercato del Film sarà il francese Pascal Diot, che ha esperienza di co-produzioni, distribuzioni e vendite internazionali e di organizzazione di mercati cinematografici.

Il principale cambiamento del nuovo Mercato, consisterà nell’offrire già da quest’anno, la possibilità ai compratori di visionare e acquistare tutti i film che i venditori proporranno, oltre che quelli visionati in Mostra.

Questa novità elimina, almeno virtualmente, la marcia in più, fin qui avuta dal Festival di Cannes, da tempo importante appuntamento, non solo culturale e modaiolo, ma anche di mercato per tutti gli addetti ai lavori.

 

POLVERE – Il grande processo dell’amianto

candiani, mestre, filmL’Hard Rock Cafe, nota catena mondiale di locali “tempio della musica” ha regalato a Venezia il finale del suo straordinario Carnevale, con un concerto dei Modà in Piazza San Marco. A parte questo doveroso accenno, non voglio però parlarvi del carnevale, che come detto è finito, ma di un tema decisamente più importante e delicato.

A pochi giorni dalla storica sentenza del Tribunale di Torino al “processo Eternit” per le morti e l’inquinamento da amianto a Casale Monferrato, viene presentato il film documentario che meglio racconta la drammatica vicenda.

Il film verrà preceduto da una presentazione con la partecipazione del regista: Andrea Prandstraller, l’epidemiologo Enzo Mercer, responsabile del Registro mesoteliomi del Veneto, Franco Rigosi dell’associazione “G.Bortolozzo” e l’Assessore all’ambiente di Venezia, Gianfranco Bettin.

La proiezione avverrà venerdì 24 febbraio alle 20:30 presso il Centro Culturale Candiani di Mestre.

L’ingresso sarà libero fino ad esaurimento dei posti.

VideoConcorso Francesco Pasinetti

concorso, videoIl Liceo Artistico di Venezia, dove ho studiato e del quale ho un ottimo ricordo, in collaborazione con l’Associazione “Amici del Pasinetti”, Circuito Cinema e con il patrocinio della Regione, della Provincia, del Comune e della Municipalità di Venezia, organizza la nona edizione del VideoConcorso “Francesco Pasinetti” Festival del cortometraggio e del micro metraggio.

Il concorso è aperto a tutti, ad eccezione delle sezioni “I giovani raccontano gli anziani” e “Adolescenza come sopravvivere?” che sono riservate alle Scuole medie superiori, alle Accademie e alle Università. 

Se siete dei creativi ed amate esprimervi attraverso i video, ecco delle informazioni utili. Possono partecipare cortometraggi di durata non superiore ai 15 minuti.

Tra i temi, visto l’avvicinarsi del Carnevale, segnalo “Carnevale sconosciuto”: una video ricerca per calli e campielli, di un carnevale nascosto ed originale, fuori dalle direttrici del grande turismo.

Ma di spunti e premi ce ne sono tanti, ad esempio quello offerto dall’Hard Rock Cafè di Venezia, o il premio Maurizio Cosua, che è pensato per video a tema libero.

L’iscrizione, è bene sottolinearlo, è completamente gratuita. Solo per la sezione VideoArte viene richiesta una quota di partecipazione di appena 20 euro.

La giuria sarà presieduta dal critico cinematografico Carlo Montanaro, e sarà composta da esperti del settore e da rappresentanti degli enti coinvolti.

Al primo classificato assoluto verrà consegnato il trofeo Pasinetti, realizzato in vetro di Murano, e 500 euro.

I vincitori delle diverse sezioni riceveranno invece un premio di 300 euro.

I video in formato DVD o mini DV dovranno pervenire entro e non oltre il 12 aprile 2012 al Liceo Artistico “Michelangelo Guggenheim”, Dorsoduro 2613, 30123 Venezia.

Per ulteriori informazioni vi rimando al sito www.festivalpasinetti.it

 

Da Venezia a Toronto

film festivalPsicoanalisi e sesso da Venezia a Toronto, questi gli ingredienti che legano (e la scelta del termine non è casuale) due dei festival cinematografici tra i più prestigiosi al mondo, ovvero la Mostra del Cinema di Venezia, recentemente conclusasi al Lido, e il Toronto Film Festival.

La 68^ edizione della Mostra del Cinema di Venezia tra le diverse pellicole in concorso che hanno giocato, anche se in modo spesso decisamente riuscito e non banale, la carta del sesso, ha ospitato A Dangerous Method del grande regista David Cronenberg. Opera che ritorna ai tempi dei padri della moderna psicanalisi, Freud e Jung per mettere in evidenza quanto i loro studi e le loro teorie, fossero legati al loro modo di vivere e pensare, alle loro piccole e grandi fragilità, fissazioni e fobie, senza dimenticare anche vere o presunte perversioni.

A questo proposito una delle scene più intense del film vede la protagonista femminile, la bella attrice Keira Knightley (nella foto), che interpreta Sabina Spielrein, essere legata e sculacciata dal suo amante e mentore Carl Jung, interpretato invece da Michael Fassbender.

Dopo Venezia le varie pellicole iniziano il loro viaggio, che dopo qualche altra capatina in vari festival, più o meno noti e prestigiosi, li porterà nelle sale per quello che è l’appuntamento più importante e decisivo per il loro successo, la prova del pubblico, che in diversi casi, per ora, pare aver accolto bene i film presentati quest’anno in Laguna.

Arte e Cinema a Venezia

festival, film, giudeccaAnche questa edizione della Mostra del Cinema di Venezia s’è conclusa e il verdetto una volta tanto non è stato seguito da grandi polemiche. Certo c’erano diverse pellicole interessanti, ma i premi sono limitati, quindi qualche scontento era inevitabile, ma i vincitori sono dei bei film.

Leone d’oro al visionario Faust russo di Alexander Sokurov. Due ore e mezza di film che molti, va detto, si aspettavano come vincitore.

Leone d’argento al cinese Shangjun Cai, giovane autore alla sua seconda pellicola.

Coppa Volpi a Michael Fassbender, protagonista di Shame. Premio Speciale della Giuria a Terraferma del nostro Emanuele Crialese.

Giuria severa ma giusta, generalmente apprezzata da tutti.

Ed ora, senza cinema che si fa? Non vi preoccupate di appuntamenti a Venezia ce ne sono molti, intanto fino a novembre continua la Biennale, con il suo ampio corollario di mostre ed eventi collaterali e poi, il 14, 15, 16 e 17 settembre vi segnalo, alla Giudecca, il Festival delle Arti, con ben 80 artisti e 30 gruppi musicali che animeranno Sacca Fisola, e non solo. Davvero un bel appuntamento.

festival, film, giudecca