Peggy Duckenheim e le tovaglie astratte

fumetti, peggy guggenheimOggi, mercoledì 17 ottobre, in edicola troverete il numero 2969 di topolino, con una storia ambientata a Venezia.

Non è la prima volta che topi e paperi disneyani si aggirano tra calli, campi e canali, e questa volta la protagonista della storia sarà paperina, che vestirà i panni di Peggy Guggenheim, anzi “Duckenheim”, grazie ai disegni di Paolo DeLorenzi e alla sceneggiatura di Roberto Gagnor.

Nell’albo, Paperina/Peggy sarà alle prese con la nascita del museo che porta il suo nome, nel palazzo Venier dei Leoni a Venezia. 

La papera, indipendente e molto ricca, sarà alla ricerca di una passione alla quale dedicare la propria vita, proprio nel momento del suo arrivo a Venezia, nel 1948.

Accompagnata dal gondoliere Paperin della Fontana, conoscerà alcuni artisti incompresi, fra i quali Paperoga Pollock, decidendo di diventare collezionista e mecenate, e comprando all’asta palazzo “Quacker degli Anatroni” per trasformarlo in un museo di arte contemporanea dove esporre le opere acquistate.

Nella storia non mancherà naturalmente anche un rivale, Rockerduck, mercante senza scrupoli che vende l’arte solo come mero business.

P.s.

Mi sento un po’ Mollica a scrivere di questi temi.

 
Peggy Duckenheim e le tovaglie astratteultima modifica: 2012-10-17T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento