I saldi vanno male

negozi, saldi, economiaIl 17 luglio sono stati resi noti dei dati che restituiscono una delle tante facce della crisi. Anche i saldi vanno male, almeno rispetto a quelli dello stesso periodo del 2011.

Dopo 10 giorni di sconti, due terzi dei negozianti intervistati dall’Ufficio Studi di Confcommercio, Unione Venezia, segnalano un netto calo delle vendite, quantificabile in un -17%.

I dati sono stati diffusi dopo l’analisi dei questionari somministrati a un campione di 50 commercianti della provincia di Venezia, appartenenti all’intero ambito territoriale della provincia (da Chioggia a San Michele al Tagliamento) e rappresentanti proporzionalmente tutte le tipologie merceologiche: abbigliamento, calzature, intimo, articoli sportivi, pelletteria, e articoli per la casa.

C’è però anche una minoranza del campione, pari al 36,5%, che registra un andamento positivo. Dall’analisi è risultato che i prodotti più richiesti sono stati magliette, bermuda e altri pantaloni, abiti da donna e, in genere, ogni accessorio poco costoso.

In fine, emerge che il valore dello scontrino medio si attesta sugli 84 euro a persona.

I saldi vanno maleultima modifica: 2012-07-20T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento