Il debutto di Costa Fascinosa

Costa FascinosaE’ partita ieri da Venezia la prima crociera della Costa Fascinosa, nuova ammiraglia di Costa Crociere presentata un paio di giorni fa alla marittima di Venezia, alla presenza del ministro del turismo, Piero Gnudi.

Costa Crociere, che come noto non sta vivendo un momento facile, ha investito 510 milioni di euro per la realizzazione di questa nave “Fascinosa”, costruita nello stabilimento di Fincantieri a Marghera.

La realizzazione di questo nuovo gigante ha impegnato circa 3 mila addetti diretti e altri 7 mila dell’indotto, con la gran parte delle circa 500 imprese che hanno partecipato alla costruzione, che sono italiane.

La nave è già salpata alla volta di Slovenia, Trieste e Croazia. Ma la crociera inaugurale vera e propria avrà inizio l’11 maggio e partirà sempre da Venezia. Si tratterà di una crociera di dieci giorni in Grecia, Israele e Turchia.

Vedremo se “Costa Fascinosa” saprà davvero essere affascinante al punto da convincere anche i più indecisi a salire su una nave (perlopiù Costa). Per il momento va registrato il fatto che, nonostante le sue 114.500 tonnellate di stazza e la possibilità di ospitare ben 3.800 passeggeri, questa è una nave decisamente “green”, tanto d’aver ricevuto il “Green plus”, massimo riconoscimento della Rina (il Registro Navale Italiano) in materia di rispetto ambientale.

Gli spazi interni di questa nuova città galleggiante sono stati progettati dall’architetto Joseph Farcus e prevedono ogni genere di intrattenimento. Chi la sceglierà per una crociera potrà godere del Cinema 4D, di un simulatore di auto Gran Premio, di uno per il golf, di ben 13 bar, 5 ristoranti, una discoteca, un casinò e un piano bar. Inoltre la nave dispone di un attrezzato centro benessere e di sei suite con veranda e Jacuzzi private. Completa l’offerta una palestra e la possibilità di fare jogging sul ponte più alto, oltre al fatto che tutte le zone della nave hanno copertura Wi-Fi.

 

Visita la pagina di Virgilio Venezia su Facebook

Segui Virgilio Venezia anche su Twitter

Vota le news di
Virgilio Venezia

Uno sguardo americano su Venezia

peggy guggenheim, mostraSono tantissimi i pittori che in diverse epoche hanno, in vario modo, e con diverse sensibilità e stili, reso omaggio a Venezia, ma secondo Peggy Guggenheim, che di arte indubbiamente se ne intendeva, solo due hanno veramente capito questa complessa città, il primo è stato il romantico Turner, il secondo, forse meno noto al grande pubblico, è stato invece un astrattista americano, William Congdon.

Ora, in occasione del centenario della sua nascita, le straordinarie visioni di questo maestro dell’Action painting, tornano in laguna per una grande mostra che aprirà il 5 maggio negli spazi di Cà Foscari Esposizioni, dove sarà possibile ammirare 40 opere “veneziane” di Congdon, provenienti dall’omonima Fondazione, da musei e raccolte private internazionali. 

La mostra, intitolata “William Congdon a Venezia (1948-1960): uno sguardo americano”, è stata curata da Giuseppe Barbieri e Silvia Burini, in collaborazione con Rodolfo Balzarotti, che hanno selezionato i lavori per presentare per la prima volta al pubblico italiano gli esiti più significativi della produzione dell’artista newyorkese, affascinato dal mescolarsi continuo di bellezza e decadenza, bontà e malvagità.

Come a New York, dove l’artista mosse i suoi primi passi assieme a Pollock, Rothko e Kline, anche a Venezia la sua ricerca continuò e si tradusse nello sviluppo di un linguaggio espressivo capace di rappresentare il suo disagio interiore e la ricerca di valori autentici.

Le tele di Congdon, esposte nelle sale del piano nobile di Cà Foscari, saranno affiancate da gigantografie del suo soggiorno veneziano, da bacheche con lettere e schizzi, dalla proiezione di disegni, appunti ed altri documenti, così da poter capire ancor meglio l’impatto che la città ha avuto su questo complesso esponente dell’arte contemporanea.

 

Una notte di riflessioni sulla green economy

3132195790.jpgCome avevo ricordato qualche tempo fa, Venezia parteciperà all’evento Notte Verde del Nordest, una lunga notte nel segno della sostenibilità, che sabato 5 maggio 2012 coinvolgerà venti città e quartieri dell’area metropolitana compresa tra Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.

Dal tardo pomeriggio a notte fonda, la Notte Verde, oltre che occasione di svago con musica e spettacoli, sarà un importante momento di confronto – tra cittadini, istituzioni ed imprese – sui progetti realizzati e sulle nuove prospettive della green economy.

Caratterizzeranno infatti l’evento dibattiti e workshop, presentazioni di progetti e prodotti, performance musicali, teatrali ed artistiche, degustazioni di prodotti biologici ed esplorazioni delle migliori esperienze sostenibili: tecnologie pulite ed energie alternative, agricoltura, mobilità e gestione dei rifiuti, bioarchitettura, paesaggio e design.

Tra i tanti eventi in programma vi segnalo:

Al Planetario del Lido di Venezia, l’Associazione Astrofili Veneziani terrà nel pomeriggio di sabato 5 maggio, a partire dalle ore 16:00 fino al tramonto, un’osservazione pubblica guidata al telescopio.

L’osservazione si concentrerà sulle macchie solari ed avrà luogo nella terrazza antistante il Planetario del Lido, sul Lungomare Marconi, all’interno del parco pubblico Askenasi (ex Luna Park).

Sempre al Lido, segnalo una passeggiata nell’oasi degli Alberoni per riconoscere i rapaci notturni, guidata da  esperti del WWF.

I partecipanti potranno  osservare nella pineta dell’Oasi delle Dune gli abitanti della notte che popolano gli Alberoni, e che si possono trovare anche in altre zone del territorio veneziano. Si tratta di uccelli molto belli, eleganti e silenziosi.

L’appuntamento per chi desiderasse partecipare è alle ore 20:30 del 5 maggio, presso Piazza Alberoni, angolo via Ca’Rossa.

Visita la pagina di Virgilio Venezia su Facebook

Segui Virgilio Venezia anche su Twitter

Vota le news di
Virgilio Venezia