Niente botti a Capodanno

capodanno, fuochi artificialiVenezia si prepara, come tutte le maggiori città Italiane, a salutare per sempre il 2011 e a dare il benvenuto ad un 2012 che, in barba ai Maya, si spera fortunato o, almeno, sereno.

Come Milano, Torino, Bari e molte altre città, anche Venezia, quest’anno, ha detto NO ai botti, compresi quelli legali, pena sanzioni piuttosto salate, in particolare in tempo di crisi.

Non si rinuncerà però al tradizionale spettacolo pirotecnico, ma niente petardi autogestiti che, anche se legali, in mano di minori possono creare danni e rappresentano causa di stress per gli animali domestici, oltre che rischi per la salute pubblica, visto che ogni anno c’è chi incautamente raccoglie petardi inesplosi o li usa in modo improprio, rimanendo ferito o, addirittura, menomato per sempre.

A Venezia il comandante generale della polizia municipale, Luciano Marini, ha emesso un’ordinanza che per la notte di Capodanno vieta “comportamenti che possano turbare la tranquillità o compromettere la sicurezza dei cittadini in luoghi aperti: nello specifico sabato 31 dicembre e domenica 1 gennaio sarà vietato usare o portare con sé materiale esplodente, accendere fuochi e far esplodere petardi, castagnole o altri artifici esplodenti”.

Sono sicuro che per chi sarà a Venezia a Capodanno le occasioni per divertirsi non mancheranno, anche senza botti. Io non ci sarò, dopo gli ultimi due anni a festeggiare a Piazza San Marco, stavolta vado in trasferta, in Sicilia, sperando in temperature meno rigide.

Buon anno a tutti! Con questo augurio vi informo che questo è l’ultimo post dell’anno nonché il numero 400 di questo blog. Arrivederci al 2012!

 
Niente botti a Capodannoultima modifica: 2011-12-30T12:12:36+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento