Vivere e studiare a Venezia: corsi, stage e workshop

2267451312.jpgCari Tutti,

vi ho lasciati a pancia piena e vi riprendo chissà come, quindi approfitto dell’alone di mistero calato su di voi e del fatto che siate tanti e con diversi interessi per proporvi il mio argomento del giorno. Volevo illustrarvi un po’ analiticamente – e un poco no, per vocazione – tre posti utili – chiamiamoli enti, associazioni, istituti ecc… ecc… –  in grado di offrire ai cittadini veneziani ed in particolare agli studenti, la possibilità di seguire diversi tipi di corsi, stage, workshop e laboratori, a seconda degli interessi e delle disponibilità economiche.

Parto dal Centro Sloveno per l’arte contemporanea, la Galleria a+a, che ha indetto proprio di recente il bando per il 18° Corso in pratiche curatoriali e arti contemporanee. Il corso è finalizzato alla formazione della figura professionale del curatore, la cui rilevanza nell’ambito del sistema artistico-culturale – non solo veneziano – è sempre più determinante. Il termine per le iscrizioni è esteso al 20 ottobre (www.aplusa.it).

Per gli appassionati di teatro invece, il GAT (Giovani A Teatro) propone quest’anno, oltre a numerose esperienze teatrali ancora da definire, il progetto formativo sul canto di tradizione orale A viva voce! Di Giuseppina Casarin e Sandra Mangini dedicato a tutti, giovani, meno giovani e più vecchi, con l’obiettivo di un concerto finale (www.giovaniateatro.it).

Infine, è quasi obbligatorio segnalare a tutti la realtà di Appartamento LAGO a Rialto. Questo spazio, gestito e messo a disposizione del pubblico da chi lo vive quotidianamente, offre di continuo nuove e diverse proposte, dai corsi di buona cucina, all’esposizione (con possibilità di acquisto) di oggetti di design, dai corsi di cucito alle piccole mostre fotografiche che chiunque può proporre ai giovani ragazzi che abitano l’appartamento (venezia.appartamentolago.com).

Roberta
Vivere e studiare a Venezia: corsi, stage e workshopultima modifica: 2011-10-05T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento