Papa e Mose

mose.jpgVenezia si prepara a riceve il Papa, e i mastri vetrai di Murano, sotto l’egida del Consorzio Promovetro Murano, hanno realizzato per l’occasione 60 calici, 60 patene, due piattini, una brocca, un piatto e due ampolle, tutti in vetro soffiato e in foglia d’oro che verranno utilizzati per la messa con Papa Benedetto XVI l’8 maggio a Venezia.

E’ la prima volta che l’arte muranese entra da protagonista in una celebrazione di tale livello, alla presenza del Papa, trasformando oggetti liturgici che di norma sono in metallo, in opere d’arte in vetro artistico.

Cambiando argomento, riporto la notizia che alla sessantottesima mostra internazionale d’arte cinematografica in programma come ogni anno al Lido di Venezia, sarà Darren Aronofsky, regista, sceneggiatore e produttore americano il presidente della giuria. L’arduo compito della commissione da lui presieduta sarà quello di assegnare il Leone d’Oro al miglior film e gli altri riconoscimenti della Mostra, che si svolgerà a Venezia dal 31 agosto al 10 settembre. La scelta di Aronosfky è stata presa dal Cda della Biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta, che ha accolto la proposta del direttore della mostra Marco Mueller.

In conclusione voglio parlare di una recente visita del Sindaco Orsoni ai cantieri del MOSE alla bocca di porto di Malamocco.

“Cinquecento anni fa sono state deviate le foci dei fiumi per evitare l’interramento, della laguna di Venezia. Oggi, per tutelare la città dalle acque alte, abbiamo a disposizione capacità ingegneristiche e nuove conoscenze. Per preservare Venezia va usata infatti la massima cautela”. Queste le parole pronunciate dal sindaco, Giorgio Orsoni, nel corso della conferenza stampa tenutasi a bordo della motonave Osvaldo, messa a disposizione dal Consorzio Venezia Nuova, per un sopralluogo ai cantieri del Mose.

Il MOSE salverà Venezia? Come titolavano alcuni giornali in questi giorni… Chi vivrà vedrà o, a seconda dei casi, nuoterà.

Papa e Moseultima modifica: 2011-04-29T09:58:20+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento