Aperte le selezioni per le Marie

1945451871.jpgIniziano i preparativi per il Carnevale di Venezia, uno dei più importanti appuntamenti dell’anno nella città lagunare. Tra gli eventi storicamente legati al carnevale veneziano, uno dei più noti è sicuramente la cosiddetta Festa delle Marie.

Anticamente, nel giorno della Purificazione di Maria, il 2 febbraio, era usanza far benedire tutti i matrimoni nell’allora sede vescovile di San Pietro di Castello. Nello stesso giorno venivano anche benedette le nozze di 12 fanciulle di umili origini che, per l’occasione, venivano sfarzosamente vestite e adornate con preziosi gioielli. Durante una di queste cerimonie ci fu un attacco da parte di pirati che rapirono le spose e rubarono loro i gioielli. La popolazione insorse per liberare le ragazze e recuperare i preziosi. La missione riuscì, ed è proprio in onore di questa vittoria sui pirati che venne istituita la Festa delle Marie.

Dodici anni fa, il regista veneziano Bruno Tosi, dato che la Festa cadeva nel periodo di Carnevale, d’accordo col Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche, ha deciso di recuperare questa antica tradizione.

In questi giorni si sono aperte le iscrizioni per le aspiranti “Marie” dell’anno. L’idea di questo particolare concorso di bellezza è venuta nel 1999 a Bruno Tosi, insieme a Venezia Marketing & Eventi, in collaborazione con il quotidiano più letto del nordest, “Il Gazzettino”.
Potranno iscriversi alla selezione tutte le ragazze italiane dai 18 ai 26 anni, residenti nella provincia di Venezia. Le selezioni si terranno il 18 febbraio a Ca’ Vendramin Calergi.

Anche quest’anno verrà eletta da una giuria la Maria dell’Anno, mentre ci sarà una Maria eletta con un apposito coupon dai lettori de “Il Gazzettino”, ed entrambe saranno incoronate in piazza San Marco.

Per la Maria dell’anno inoltre sono in palio due importanti premi: una crociera e l’accesso alle finali di Miss Italia.

 

Aperte le selezioni per le Marieultima modifica: 2011-02-04T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento