Restauri senza sponsor

coca-cola-a-palazzo-ducale.jpgC’erano state, nei mesi passati, diverse polemiche per le maxi-pubblicità sulle impalcature dei restauri di importanti monumenti veneziani. Alcuni sollevavano dubbi sul decoro urbano, altri più maliziosi ipotizzavano che le impalcature coprissero gli edifici più del dovuto, anche a lavori conclusi, per dare più visibilità agli inserzionisti/sponsor.

Naturalmente le pubblicità contribuiscono a pagare i costosi interventi di manutenzione e restauro di veri e propri gioielli, quindi alla fine, in qualche modo, si sono fatte accettare, ma ora il problema pare quello inverso.

La crisi economica infatti ha portato molte azienda, anche importanti, a tagliare sulle spese pubblicitarie e, quindi, c’è ormai un eccesso di offerta a Venezia rispetto alla domanda nell’uso dei ponteggi.

I prezzi si sono gradualmente abbassati arrivando a “solo” 40000 euro al mese, per una maxi pubblicità, niente di meno che sul Ponte dei Sospiri o sul Palazzo Ducale. Ma molti cantieri restano proprio senza sponsor e potrebbero essere a rischio se non si trovano soldi in altro modo.

Restauri senza sponsorultima modifica: 2011-01-14T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Restauri senza sponsor

Lascia un commento