Magica Venezia

torre-orologio.jpgSpesso si parla di Venezia come di una città magica, per la sua bellezza, il suo romanticismo, etc…

Ma esiste una Venezia nascosta, che magica lo è anche in un senso diverso ed inaspettato.

Dati i suoi stretti rapporti con altri paesi, tra cui quelli orientali e mediorientali, Venezia è stata da sempre crogiuolo di culture diverse.

Molti sono i nomi celebri che a Venezia si sono interessati di alchimia, come: Giordano Bruno, Casanova e Cagliostro.
Nella città, sono presenti testimonianze di conoscenze alchemiche degli arabi le cui tracce si ritrovano in numerosi fregi ed elementi scultorei, come nel quadrante della torre dell’orologio o nelle vicinanze della porta della carta vicino la Basilica di San Marco. Qui sono rappresentati in un angolo i così detti “quattro mori”, i tetrarchi Diocleziano, Galerio, Massimiliano e Costanzo.

La tradizione alchemica lega queste figure ad un fregio alla base dello stesso raffigurante due putti e due draghi intrecciati che portano un cartiglio con la scritta in veneziano arcaico “uomo faccia e dica pure ciò che gli passa per la testa e veda ciò che po’ capitargli”.

 

Virgilio Venezia è anche su Facebook
http://www.facebook.com/pages/Virgilio-Venezia/177772625582695

News su Venezia dal mio account Twitter
http://twitter.com/venezia041news

La mia pagina su Facebook
http://www.facebook.com/renzulli

 

Magica Veneziaultima modifica: 2010-11-29T14:04:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento