Venezia come capitale della cultura nel 2019

2019_nordest_capitale_cultura.jpgDopo che è sfumata la possibilità di ospitare le Olimpiadi, Venezia si candida ad un nuovo importante appuntamento e, questa volta, pare farlo con maggiore convinzione.

Gareggiare per vincere è infatti l’obbiettivo comune di tutti gli amministratori pubblici del nordest che sostengono convintamente il progetto di candidatura di Venezia a capitale europea della cultura per il 2019.

L’intesa su una candidatura condivisa è stata raggiunta in occasione di un incontro, tenutosi in laguna, tra il vicepresidente della giunta regionale del Veneto e assessore alla cultura Marino Zorzato con il sindaco Giorgio Orsoni e gli assessori alla cultura della Regione Friuli Venezia Giulia Roberto Molinaro, delle Province autonome di Trento Franco Panizza e di Bolzano Christian Tommasini.

Si è così costituito un gruppo di lavoro interistituzionale con il compito di verificare il percorso formale da seguire e di elaborare un protocollo d’intesa per la costituzione del Comitato promotore della candidatura.

Venezia, il Veneto e tutto il Nordest vogliono fare sistema per sostenere con forza questo ambizioso progetto, che rappresenta una grande occasione per tutta l’area.

Virgilio Venezia su Facebook
http://www.facebook.com/pages/Virgilio-Venezia/177772625582695

News su Venezia dal mio account Twitter
http://twitter.com/venezia041news

Altre notizie su Venezia
http://www.venezia041.com

La mia pagina su Facebook
http://www.facebook.com/renzulli

Venezia come capitale della cultura nel 2019ultima modifica: 2010-09-22T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Venezia come capitale della cultura nel 2019

  1. Esatto, l’idea sarebbe Nordest capitale della cultura 2019. Che si si vuol davvero fare sistema Venezia dovrebbe essere un po’ meno venezianocentrica! 😉
    Ho partecipato a qualche conferenza nei mesi passati in cui si parlava di questa candidatura davvero interessante nata prima della candidatura per le Olimpiadi. L’unica cosa che mi fa venire qualche dubbio è il fatto che, immagino, sarà difficile in un’area così vasta creare lo stesso impatto e massa critica in termini di eventi e manifestazioni rispetto all’ipotesi di organizzare il tutto in un’unica città o su un territorio più concentrato.
    Tuttavia farà senz’altro bene al Nordest stesso che con questa iniziativa avrà modo di lavorare per far crescere la governance territoriale e al superamento di logiche campanilistiche varie.

Lascia un commento