Jesolo Music Festival

JMF.jpgSerata finale questo sabato, a Piazza Aurora, per l’edizione 2010 del Jesolo Music Festival. Dopo il successo delle scorse edizioni, questo terzo appuntamento riunirà i migliori talenti musicali del Veneto che proporranno i loro brani in un grande concerto che riunirà generi e generazioni diverse, accumunate dalla vocazione per l’autenticità, l’indipendenza e la libertà della propria produzione musicale.

La manifestazione si pone infatti come obiettivo la valorizzazione dei progetti inediti, e punta a dare spazio alla passione e al coraggio con cui i musicisti del Triveneto portano avanti le proprie idee.

In scena nella serata finale di sabato 9 tra solisti e gruppi che proporranno il loro repertorio originale, perché come si legge sul sito dell’evento, www.jesolomusicfestival.com: “L’originalita’ porta in grembo l’essenza dell’arte, ciò che colora le nostre vite e la sensibilità che abbiamo dentro, minacciata sempre più dalla delirante accelerazione dei ritmi odierni.

La musica originale è un’essenza meravigliosa. E’ una ricchezza che deriva dal talento e dalla fatica di chi la crea dal nulla, la ama, la porta avanti, nonostante la triste omologazione dei nostri giorni.

Uno stupido scherzo

f-nuove.jpgGli è costata una denuncia per procurato allarme ed interruzione di pubblico servizio la burla messa in atto da un 50entenne veneziano, forse per far colpo su una turista polacca sua coetanea.

La vicenda è accaduta lunedì sera, quando l’uomo in compagnia dell’amica si è tuffato in acqua alle Fondamente Nuove per poi riemergere ad alcuni metri di distanza senza farsi vedere. La donna allarmata dopo alcuni minuti d’attesa s’è tuffata per cercarlo e, non trovandolo ha chiesto disperatamente aiuto ad alcuni dipendenti del vicino Ospedale Civile che poco dopo, sentita la storia hanno fatto intervenire la polizia e, in seguito anche i carabinieri e la capitaneria di Porto.

Intanto l’ideatore dello stupido scherzo aveva fatto ritorno a casa dove poco dopo è stato raggiunto da degli agenti a cui non ha voluto dare spiegazioni.

Troppo sole fa male

sole.jpgSicuramente è un buon consiglio per adulti e bambini, l’esposizione ai raggi solari è gradevole, ma va fatta con moderazione, ma non stiamo parlando di questo, da recenti studi, di cui si discute proprio in questi giorni sui media, pare che il sole faccia male a Venezia.
In particolare pare che un nuovo studio, pubblicato sul New scientist, dimostri che non sono solo le fasi lunari ad influenzare, come noto, le maree, ma anche l’attività solare.

I picchi di attività solare, facendo cambiare i percorsi delle ondate di maltempo sull’Europa, riescono quindi ad incidere sul livello delle acque in Laguna.

Quindi, semplificando l’equazione è, se fa più caldo ci saranno più acque alte.

I ricercatori dell’Università di Lisbona, studiando i livelli delle maree negli ultimi 60 anni, hanno messo in relazione le acque alte di Venezia con il comportamento del Sole, in particolare è stato dimostrato che le alte maree seguono un ciclo uguale a quello della nostra stella e che la presenza di macchie solari coincide con i picchi di allagamento in città.

Che il riscaldamento globale peggiorasse la situazione dell’acqua alta a Venezia non è una novità, ma che ci fosse una relazione diretta tra l’attività del sole e le maree questo lo è.

Visto l’andamento delle ultime estati, speriamo si trovi presto una soluzione capace di arginare il fenomeno e di salvaguardare le bellezze di Venezia, che sia il MOSE o altro poco importa, basta che funzioni.