La casa battello alla Giudecca

casa-vaporetto.jpgE’ una storia curiosa, strana, originale, una storia che va raccontata, è la storia di Michael Kiersgaard, un uomo di origine danese che da 13 anni vive a Venezia e come casa s’è scelto un vecchio vaporetto dell’ACTV, ormeggiato nel canale Sant’Angelo alla Giudecca.

Recentemente, l’ufficio tecnico del comune di Venezia gli ha inviato l’ordine di sfratto corredato da un’ingiunzione di demolizione per abuso edilizio.

Il danese però, che vive nell’insolita houseboat con la moglie Anna, due figli e un cagnolino, non si è spaventato o demoralizzato, anzi ha presentato un ricorso. Nel frattempo ci sono state le elezioni e il neo sindaco Giorgio Orsoni si è già apertamente schierato dalla sua parte sia in qualità di primo cittadino che come avvocato.

Kiersgaard  ha acquistato il vaporetto 15 anni fa dopo averlo trovato abbandonato lungo il Po. E’ residente a Venezia dove il comune, a suo tempo, ha anche concesso un numero civico alla casa galleggiante, che è dotata di regolari allacci di luce e acqua a norme di legge.

La famiglia paga regolarmente le tasse e ha sempre dimostrato un grande amore per Venezia e per il mare, tanto da scegliere di passare la vita a stretto contatto con l’acqua.

Oltre all’interessamento del sindaco, la rete s’è scatenata per salvare il battello, ci sono petizioni online su vari siti ed è nato un gruppo su Facebook che ha racconto ad oggi circa 3600 sostenitori.

La casa battello alla Giudeccaultima modifica: 2010-04-16T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento