Lettura solidale ad alta voce

libri.jpgLa cultura del cibo, inteso come bisogno, strumento di cura e solidarietà, antidoto alla fame e alla miseria, ma anche tramite dei sentimenti, simbolo e, naturalmente interprete, delle tradizioni popolari. E’ questo il tema degli appuntamenti di ‘Ad alta voce‘, che tornano per l’ottavo anno a Venezia e Mestre.
La manifestazione di lettura solidale organizzata da Coop Adriatica si terrà a Bologna il 10 ottobre, a Cesena il 16 e sabato 17 a Venezia e in terraferma, a chiusura dell’edizione 2009.
Molti tra scrittori, attori e intellettuali saranno, per un giorno testimoni dell’impegno civile e volontari della cultura, condivideranno con il pubblico brani di poesia, prosa e saggistica, portandoli anche in luoghi dove di solito i libri difficilmente arrivano. ‘Ad alta voce‘, infatti, si fa promotrice dell’attività dei volontari di ‘Ausilio per la cultura‘, che consegnano in prestito a domicilio libri e materiali multimediali a persone anziane e disabili che hanno difficoltà a raggiungere le biblioteche.

Venezia olimpica

olimpiadi.jpgLe Olimpiadi 2016 si svolgeranno come sapete a Rio de Janeiro che ha sconfitto Chicago e le altre candidate.
Ora che si sa dove si terranno nel 2016 iniziano già ad arrivare le prime candidature per il 2020 e tra le prime città italiane, assieme a Roma si candita Venezia.
Poco dopo la scelta di Rio, infatti, il Sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, ha candidato Venezia e, a seguire Alemanno, ha proposto la sua città per la candidatura delle Olimpiadi 2020.
Appena ho letto la notizia mi son chiesto se Venezia fosse in grado da un punto di vista infrastrutturale di ospitare un evento del genere. Non sono molto “sportivo” ma al momento mi è parso che in città non ci fossero le strutture adatte, campi, piste, ecc…
Tuttavia ci son due considerazioni da fare, e che infatti ho fatto in un secondo momento. Candidare Venezia, non significa che le gare si terranno nel centro storico, ma in tutta l’area metropolitana e, altra cosa… da qui al 2020 se, come pare la candidatura godrà di sufficiente sostegno in ambito (sopratutto) politico e sportivo (tecnico) qualora mancassero delle strutture potremmo sempre dotarcene.

Le infinite possibilità del suono

palazzo-Fortuny.jpgOggi e domani a palazzo Fortuny, due straordinarie giornate si ritaglieranno un importante spazio nella mostra IN-FINITUM.

Nella varietà e vastità di concetti che trovano corpo e spazio nella mostra in corso a palazzo Fortuny (che sta avendo grande successo di critica e pubblico) non poteva mancare un’attenzione particolare per l’espressione musicale. E proprio le musiche di autori che nei loro lavori esplorano le ‘infinite‘ possibilità del suono, sono al centro delle installazioni e aperture speciali fuori orario con performance musicali di venerdì e sabato.
Appuntamenti esclusivi ed imperdibili, con posti limitati prenotabili chiamando il numero: 041 5209070.
Le esecuzioni, dei musicisti che si posizioneranno lungo il percorso espositivo, sono a cura dell’HERMESensemble di Anversa, che si cimenterà con brani di autori come John Cage, Michael Finnissey, Marc Andrè  e Salvatore Sciarrino.