Innovazione e manutenzione

san-rocco.jpgSi svolgerà lunedì nella Scuola Grande di San Rocco il convegno dal titolo Innovazione e manutenzione a Venezia, filosofia di processi ed esperienze a confronto.
Questo convegno, promosso da Fassa Bortolo in collaborazione con l’Associazione Nazionale Costruttori Edili, è patrocinato dal Comune, dagli ordini professionali e dalla provincia di Venezia.
Interverranno, tra gli altri, il rettore dell’Istituto di Architettura IUAV, il soprintendente ai Beni Culturali, Il Magistrato delle Acque, il Presidente di Insula, il sindaco di Venezia e il ministro Renato Brunetta.
La necessità di chi interviene, a Venezia, su un patrimonio unico e straordinario per varietà e complessità richiede altrettanta varietà e complessità nelle azioni e negli strumenti di intervento. E’ quindi fondamentale trovare un equilibrio tra tradizione e sperimentazione in un contesto di alta qualità e massima specializzazione.
L’incontro diventa quindi occasione di confronto: di idee e di proposte operative.
La presenza di tutti i principali soggetti pubblici e privati, impegnati sul fronte della salvaguardia della città, assicurerà al dibattito quella pluralità di voci e di esperienze in grado di dar vita ad un vero e proprio laboratorio. Un luogo privilegiato di riflessione dal quale poter partire per una seria e concreta prospettiva di rilancio economico e produttivo, di cui c’è davvero un gran bisogno.

Un giorno con Disney-Pixar

pixar-lido.JPGDomenica, in contemporanea con la Regata Storica, al Lido è stato consegnato il Leone d’oro alla carriera ai creativi della Pixar e, difronte al palazzo del cinema, è stata allestita un’area Disney-Pixar con animazione per i più piccoli.
Va detto che, raggiungere il lido era più difficoltoso del solito, visto che a causa della regata storica le normali linee di navigazione dell’actv erano limitate… Quindi molti, compreso il sottoscritto, han dovuto camminare fino a Sant’Elena.
La giornata dei bimbi, ma non solo, al lido è iniziata alle 11:00 con la proiezione di UP ed è poi proseguita con altre proiezioni e con animazioni e giochi dalle 13:30 alle 18 circa.
Tutto l’allestimento, forte di presenze storiche come i personaggi di Toy Story, Nemo e Gli Incredibili, è comunque servito soprattutto a promuovere il nuovo film UP, una brillante commedia in cui il 78enne Carl Fredricksen realizza il sogno di una grande avventura legando migliaia di palloncini alla sua casa e volando via verso il Sud America. A tutti i bambini infatti venivano regalati palloncini con i loghi dei già citati classici della Pixar.

pixarIM001479.JPG
pixarIM001480.JPG
pixarIM001484.JPG

Ma come fate con l’acqua alta?

acquaalta_ok.jpgMa l’acqua alta? Oppure: ma come fate con l’acqua alta? E ancora, ma quando c’è acqua alta che fai? E molte altre varianti. Questa è la prima cosa che spesso mi dicono quando, magari durante un viaggio, mi presento e dico di provenire da Venezia.
Sinceramente dare una risposta non è facile. Ci sono vari mezzi di cui i veneziani si dotano, gli stivali di gomma, le ‘paratie’ (sorta di piccole dighe su binari metallici) sulle porte di casa… e altri mezzi di cui si dota la città, in particolare delle passerelle di legno, che però in caso di acqua alta eccezionale diventano inutilizzabili. Molti negozi poi abbinano alle paratie, delle pompe per espellere l’acqua che è riuscita, in ogni caso ad entrare.
Ad un livello ancora superiore, tutti sanno del MOSE, anche se i dettagli del suo funzionamento sfuggono ai più e molti dubitano che una volta completato potrà funzionare. Non essendo un esperto di idraulica non mi pronuncio.
Quel che posso dire è che, anche se ho la fortuna di lavorare in casa e, quindi, se un giorno c’è acqua alta semplicemente non esco, è indubbiamente una grande seccatura. Mi è capitato di dover rimandare appuntamenti di lavoro, ritardare nella spedizione di documenti, non poter comprare il pane per pranzo perché il panificio s’era allagato, ecc…
Ma i maggiori danni, ovviamente li hanno le moltissime attività commerciali piccole e medio piccole che sono la vera linfa della città.
Fondamentale è anche il turismo certo, ma ai turisti (soprattutto quelli stranieri) spesso l’acqua alta non fa paura, anzi la vivono come un’attrazione, un divertente diversivo. Per i veneziani invece è tutto fuorché divertente.