Calli e canali in Venezia

gondolieri, foto, Ferdinando Ongania, Aldo ReatoRiprendo l’aggiornamento di questo blog, ma solo come “vetrina” di post ed approfondimenti che troverete sul mio sito Venezia041.

Inizio con un pensiero di Aldo Reato, che condivido completamente:

Diciamo no alla Venezia plastificata e ai luoghi comuni di cui oggi la città e i Veneziani sono le prime vittime“.

Chi l’ha detto che i gondolieri non fanno cultura? La scommessa la lancia proprio il loro presidente, Aldo Reato, che ha pensato di avviare una collaborazione con la casa editrice veneziana «Lineadacqua». 

Ne è nata una ristampa del celebre volume «Calli e canali in Venezia» di Ferdinando Ongania, che raccoglie splendide foto in bianco nero che testimoniano una città senza tempo, oggi troppo spessa stretta tra luoghi comuni e globalizzazione, che rischiano di stritolarla.

 

Tempo, letture e profezie

san giorgio, libri, mostra, Fondazione Giorgio CiniSiamo scampati alla nefasta profezia Maya e ci apprestiamo già a far festa con il colorato carnevale veneziano, ma in laguna diamo sempre spazio alla cultura, con mostre ed eventi, grandi e piccoli, per tutti i gusti.

Oggi vi parlo di una piccola mostra, visitabile fino al 13 febbraio, e ideata con il preciso scopo di valorizzare e far conoscere al pubblico il prezioso patrimonio conservato presso l’Isola di San Giorgio Maggiore.

Lo staff del Coordinamento Biblioteche della Fondazione Giorgio Cini ha allestito un’interessante  esposizione con alcuni degli esemplari più significativi delle loro preziose raccolte antiche, creando un percorso dedicato al concetto di tempo. 

La mostra è stata pensata ed organizzata in bacheche tematiche: nella prima, si affronta la misurazione scientifica del tempo; nella seconda, i pronostici; nella terza, le profezie e i libri di ventura; nella quarta, la medicina e le ricette per il “buon vivere”; nella quinta, l’arte del “ben morire”; nella sesta: il ritorno all’Assoluto. 

Il tempo, inteso come la dimensione nella quale si verificano gli eventi, ha la necessità di essere misurato per poter concepire e determinare il passato, il presente e il futuro. Dopo alcuni esempi di studio e misurazione del tempo, la mostra prosegue documentando un aspetto rilevante della cultura del Rinascimento: la convinzione di poter guardare al futuro per affrontare profeticamente gli avvenimenti che in quegli anni risultavano essere spesso poco rassicuranti (guerre, epidemie, eclissi solari). 

Vengono a tal proposito esposti alcuni splendidi esempi dei più famosi libri di ventura, di profezia e di chiromanzia. Insomma, basta Maya, sull’argomento profezie anche noi italiani ne abbiamo parecchie da raccontare.

Sul tema del tempo, mi viene poi in mente un bel pensiero di Daniel Pennac, con il quale vi lascio (per ora) “il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere”.

Lo dedico a tutti quelli che dicono che non leggono, libri, giornali, e magari anche il mio blog, perché non hanno tempo.

 

Corto Sconto

libro, libreria, corto maltese, fumetti, hugo prattSeconda puntata di “Dalla mia scrivania” o meglio, in questo caso, dalla mia libreria, visto che il libro di cui parlo oggi non ha uno spazio sul mio tavolo, che peraltro sto cercando di liberare un po’ in questo periodo, ma bensì uno negli scaffali della mia libreria, naturalmente tra gli altri volumi dedicati a Venezia.

Il protagonista del post di oggi è “Corto Sconto. La guida di Corto Maltese alla Venezia nascosta” un libro molto popolare, sia tra i turisti che tra i veneziani, molti dei quali amano profondamente il noto personaggio ideato da Hugo Pratt.

La guida, arricchita da tanti disegni che hanno come protagonista Corto Maltese, è organizzata per sestieri, ma non solo, propone infatti vari itinerari tematici, con tante curiosità, misteri e capolavori da scoprire.

Presenta fiabe e leggende, ma anche osterie e altri locali dove mangiare, bere e respirare la più autentica atmosfera veneziana.

Quella presentata da questa guida, è una Venezia appartata, magica, nascosta (“sconta”), la città di Corto Maltese e di Hugo Pratt, nella quale l’autore amava passeggiare con gli amici alla costante ricerca di luoghi nuovi, al di fuori dei classici itinerari del turismo di massa. 

Corto Sconto” è tutto questo, è un libro che ha avuto un grande successo e continua ad averlo, lo troverete infatti in tutte le librerie della città lagunare.

Che siate o meno degli appassionati dei fumetti di Corto Maltese, questa insolita guida saprà regalarvi emozionanti spunti per conoscere la Venezia più nascosta, e autentica.

 

Venezia tra design, musica, arte e tecnologia

instagram, instameet, myanalogcloud, serra, moleskine, design, Venice Moleskine InstameetNe avevo già parlato mercoledì, ve lo ricordo, visto che l’evento è questa sera. Dalle 18:00 alle 23:00, si terrà il The Moleskine Party, presso il Moleskine Temporary Store alla Serra dei Giardini.

Sarà una festa tra design e musica, nell’ambito dell’Evento Collaterale “A Better World” della 13a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia

Tra le attrazioni uno spazio musicale, giochi e interazioni con postazioni sperimentali, all’insegna di creatività e condivisione. Inoltre tante matite, album, taccuini, per scrivere, disegnare, scoprire, giocare e raccontarsi.

Ci sarà il Moleskine Faces, un gioco/performance progettato da Emily Baltz, visual artist di New York, che metterà i volti degli invitati nelle pagine di un taccuino Moleskine, e pubblicherà i risultati ottenuti su una galleria su Facebook.

C’è anche un concorso a premi, in collaborazione con Instagramers Italia e Instagramers Venezia. La sfida è quella di condividere la nuvola analogica degli oggetti, Moleskine incluse, che portiamo sempre con noi, fotografandoli e taggandoli con l’hashtag #myanalogcloud, per poi condividerli su Instagram e gli altri social network.

Se volete partecipare anche voi al Venice Moleskine Instameet: venite alla Serra dei Giardini, svuotate la borsa, o le tasche, partecipate al set fotografico, scattate la vostra foto, e pubblicatela su Instagram in modalità georeferenziata, con il tag #myanalogcloud.

 

The Moleskine Party

architettura, serra, Moleskine, mostra, festaVenerdì 16 novembre dalle 18:00 alle 23:00, si terrà il The Moleskine Party, presso il Moleskine Temporary Store alla Serra dei Giardini, Via Garibaldi 1254, Venezia.

Sarà una festa tra design e musica, nell’ambito dell’Evento Collaterale “A Better World” della 13a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale. 

In occasione del lancio del libro “Detour”, a cura di Raffaella Guidobono, sarà allestita anche una mostra visitabile fino al 26 novembre, con cinque taccuini originali di Formafantasma, Paula Scher, Gamfratesi, Rebec Hohoho, Sirene Elise Wilhelmsen, presenti nel volume, accanto ai tre autori BCXSY, Corentin Dombrecht e Gianni Gebbia, che hanno donato nell’ultimo mese il taccuino alla Fondazione lettera27, per il futuro del progetto Detour.

Rappresentati in Detour ci sono grandi esponenti di tutte le principali professioni creative dei nostri giorni: architetti, designer, musicisti, registi, curatori, fotografi, artisti, graphic novelist e anche blogger, che hanno donato i loro taccuini alla fondazione non profit lettera27, partner del progetto, dando così vita, con Moleskine, a una mostra itinerante che ha viaggiato intorno al mondo, toccando: Londra, New York, Parigi, Berlino, Istanbul, Tokyo, Shanghai, e ora Venezia.

In tutto sono stati 275 i taccuini raccolti in questo viaggio, organizzati poi nel libro in 5 categorie: Visionari, Semantici, Virtuosi, Romantici e Ironici. 

Ogni taccuino tiene traccia di storie, visioni, viaggi, progetti, mostrando il dietro le quinte del processo creativo degli autori.

L’allestimento della festa prevede diverse postazioni dove sperimentare, giocare, disegnare e raccontarsi con matite, album e taccuini.

Chi mi conosce sa che io uso molto lo strumento tecnologico, e come negli ultimi anni, nonostante abbia ancora per casa un sacco di libri cartacei, mi sia concentrato sugli ebook, tuttavia nulla può ancora sostituire, e forse non lo farà mai, la praticità e la bellezza di prendere un appunto su carta e/o di fare un rapido schizzo, o se preferite scarabocchio. Infatti, assieme a computer, smartphone ed ereader, tra i miei più fedeli compagni c’è proprio una Moleskine.

 

Venezia la mia generazione

libro, Giannandrea MenciniE’ uscito nelle librerie (online e offline) il nuovo libro di Giannandrea Mencini, dal titolo “Venezia la mia generazione”. 

Si tratta del primo romanzo per questo autore, storico di formazione, che in precedenza ha pubblicato diversi saggi dedicati alla città lagunare.

In questo libro, edito da Supernova, Mencini torna ad affrontare le varie tematiche ambientali, e di salvaguardia della città lagunare, ma attraverso un romanzo. 

Venezia la mia generazione” usa un linguaggio semplice e immediato, per parlare alla generazione dell’autore, ma non solo, delle difficoltà della vita di tutti i giorni a Venezia.

La storia è ambientata nelle zone più belle di una Venezia ancora viva, popolare e vissuta dai suoi cittadini, è una storia che rapisce con un susseguirsi di emozioni, sentimenti e riflessioni, a volte ironiche, a volte amare. 

Una storia con un finale sorprendente che si sviluppa all’ombra di una città che tenta con orgoglio di reagire ai suoi mali. Non mancano nel romanzo spunti di riflessioni e considerazioni su molte problematiche attuali della città lagunare e, per la prima volta, l’autore affronta anche il delicato tema del turismo di massa, che rischia di snaturare la città.

 

Peggy Duckenheim e le tovaglie astratte

fumetti, peggy guggenheimOggi, mercoledì 17 ottobre, in edicola troverete il numero 2969 di topolino, con una storia ambientata a Venezia.

Non è la prima volta che topi e paperi disneyani si aggirano tra calli, campi e canali, e questa volta la protagonista della storia sarà paperina, che vestirà i panni di Peggy Guggenheim, anzi “Duckenheim”, grazie ai disegni di Paolo DeLorenzi e alla sceneggiatura di Roberto Gagnor.

Nell’albo, Paperina/Peggy sarà alle prese con la nascita del museo che porta il suo nome, nel palazzo Venier dei Leoni a Venezia. 

La papera, indipendente e molto ricca, sarà alla ricerca di una passione alla quale dedicare la propria vita, proprio nel momento del suo arrivo a Venezia, nel 1948.

Accompagnata dal gondoliere Paperin della Fontana, conoscerà alcuni artisti incompresi, fra i quali Paperoga Pollock, decidendo di diventare collezionista e mecenate, e comprando all’asta palazzo “Quacker degli Anatroni” per trasformarlo in un museo di arte contemporanea dove esporre le opere acquistate.

Nella storia non mancherà naturalmente anche un rivale, Rockerduck, mercante senza scrupoli che vende l’arte solo come mero business.

P.s.

Mi sento un po’ Mollica a scrivere di questi temi.

 

Dalla mia scrivania

libro, libreria, viaggi, misteri, Thomas JonglezOggi ho pensato di inaugurare una nuova rubrica di questo blog, dedicata ai libri, naturalmente a quelli su Venezia. Di libri sulla città lagunare ho già parlato in passato, ma il taglio di questi nuovi post sarà diverso e, soprattutto, più personale.

Di libri su Venezia ce ne sono un’infinità e ne vengono sfornati continuamente di nuovi, ma in questa rubrica parlerò solo di quelli che ho letto o che, almeno, ho sfogliato, soppesato e annusato, insomma, dei quali ho una certa esperienza diretta.

Inizio da due libri, che per ragioni diverse, in questi giorni sono sulla mia scrivania. Il primo è Venezia insolita e segreta di Thomas Jonglez e Paola Zoffoli. Questo libro l’ha comprato mia mamma, ma me ne sono ben presto impadronito, in cerca di qualche spunto per futuri post su questo blog.

Si tratta di una guida, organizzata per sestieri, grazie alla quale scoprire tantissime storie, curiosità e leggente, legate a manufatti spesso poco noti agli stessi veneziani.

E’ proprio il caso di dire che ogni pietra di Venezia ha una storia da raccontare, e questo volume ne raccoglie davvero tante. E’ una lettura consigliabile a tutti, compresi i più eruditi conoscitori della città, che di sicuro vi troveranno qualcosa di nuovo.

Il secondo libro è la guida MARCO POLO di Venezia, che mi è stata gentilmente regalata dopo l’intervista di cui avevo parlato in questo post.

Si tratta di un volume che offre tutto quello che ci si aspetta da una tradizionale guida turistica, come l’utile mappa estraibile della città, ma impagina i vari contenuti in modo giovane, fresco e moderno. Inoltre oltre ad esaustive informazioni sulle tante cose da fare e vedere in città, non mancano consigli, redatti con l’aiuto di chi a Venezia ci vive, su come e dove mangiare, e dormire, senza dover accendere un mutuo, che poi di sti tempi (diciamocelo chiaro) non ve lo concede nessuna banca.

A completare la guida poi, ci sono informazioni molto pratiche e, pertanto, davvero utili, su come spostarsi in città.

 

Marghera Comics 2012

marghera, fumetti, cosplayL’Associazione Culturale “Venezia Comix” propone nella giornata di domenica 9 settembre, in piazza Mercato a Marghera, una manifestazione incentrata sulla promozione del fumetto, come forma di socializzazione, e non semplice intrattenimento, in cui valorizzare il territorio veneto e i suoi abitanti rendendoli protagonisti.

Marghera Comics è l’appuntamento di fine estate col fumetto, e intende affiancarsi al Mestre Comics, la fiera invernale che sta conoscendo un crescente successo nel veneziano.

Marghera Comics punta a diventare un nuovo appuntamento annuale  di sano divertimento, e promozione della cultura legata alla Nona Arte (il fumetto).

Il territorio diventa inoltre protagonista attraverso i suoi supereroi: Capitan Venezia e Lady Marghera, mascotte dell’evento.

La manifestazione si articola con il seguente programma di massima:

  • ore 10:00 apertura mostra mercato
  • ore 14:00 gara di Cosplay
  • ore 18:30 premiazione gara Cosplay
  • ore 20:00 chiusura della manifestazione

Per informazioni su eventuali variazioni di orario, e modalità per raggiungere o partecipare alla fiera, vi rimando alla pagina Facebook dell’evento:

https://www.facebook.com/events/350294621708492/

e anche a quella dell’associazione Venezia Comix: 

https://www.facebook.com/pages/Veneziacomix/159262652938

Ricordo inoltre che nel corso della giornata potranno essere previste anche esibizioni temporanee di autori di fumetti, e mostre di tavole originali all’interno della Sala Consiliare o della Biblioteca di Marghera.

Grazie anche al mio vecchio amico Emanuele Tenderini, il fumetto “veneziano” sta conoscendo una nuova età dell’oro, e a dirlo non sono solo io, come si vede dall’articolo che riporto sotto, apparso nella pagina culturale (e anche questo è significativo) del Gazzettino, principale quotidiano del Nord Est.

marghera, fumetti, cosplay

Appuntamento a Marghera quindi per chi ama il fumetto, o semplicemente vuole conoscere meglio questa importante forma di espressione.

Helicotrema – Festival dell’audio registrato

serra, Festival sonoro, ascolto collettivo, radiodrammi, streaming, Radio PapesseHo sempre amato molto i libri, e visto che mi ritengo un innovatore, o almeno uno che ci prova ad esserlo, ho pubblicato degli ebook, e da qualche tempo gestisco un sito dedicato agli audiolibri e collaboro con un importante editore specializzato in queste particolari pubblicazioni.

Ho sempre creduto che i libri, oltre che leggerli sia possibile ascoltarli, in particolare se chi li legge per voi lo sa fare bene.

L’esperienza dell’ascolto, sia essa di un classico, piuttosto che di una nuova proposta, è sempre interessante e può riservare grandi emozioni.

Se poi l’esperienza di ascolto è collettiva, un po’ come se stessimo ad un concerto o ad una lettura di poesie, la componente emozionale può essere ulteriormente amplificata. Per questo parlo volentieri di Helicotrema, un Festival davvero originale che si concluderà il 16 giugno a Venezia.

Tutto di questo evento risulta interessante, ad iniziare dall’immagine scelta per i manifesti che ha subito catturato la mia attenzione, e senza la quale probabilmente non avrei mai saputo dell’iniziativa.

Per tre giorni la Serra dei Giardini di Castello, di cui già ho parlato in passato in questo blog, diventerà la suggestiva sede di un festival sonoro unico nel suo genere. Ma niente concerti. Solo radiodrammi. O meglio ancora, opere sonore di artisti e autori internazionali da ascoltare, in modalità collettiva.

E per non farsi mancare nulla poi Helicotrema si potrà ascoltare anche in diretta streaming, grazie alla piattaforma online di Radio Papesse, così anche se non sarete a Venezia potrete comunque partecipare.

Il festival è iniziato ieri, ma per ovvi motivi mi limito a riportarvi il programma di oggi e domani. Io penso che oggi lo seguirò in streaming, mentre sabato farò un salto live alla serra. Buon ascolto!

serra, Festival sonoro, ascolto collettivo, radiodrammi, streaming, Radio Papesse

15 giugno
dalle 19.00 ascolto collettivo dei lavori di: Paolo Pennuti ed Elisa Ferrari, Alessandra Messali, Andrea Morbio e Carol Sabbadini
dalle 21.00 i lavori di: Giulio Squillacciotti, Raqs Media Collective, Hildegard Westerkamp, Elisa Strinna

16 giugno
dalle 17.00 ascolto dei lavori di: Valentina Roselli, Meris Angioletti, Mark Peter Wright, Don Simmons,
Petri Kuljuntausta.
dalle 19.00 i lavori di: Caterina Rossato, Gaëtan Robillard, Marcelline Delbecq, Giulia Marzin.
dalle 21.00 i lavori di: TSO, Saskia Holmkvist, Blauer Hase