La Biennale in diretta web

Sabato aprirà al pubblico la 55a Biennale di Venezia, ma eventi ed inaugurazioni sono già nel vivo e fino al 31 sarà possibile seguire i principali appuntamenti in diretta web, grazie a foto e commenti in tempo reale, realizzati da blogger e igers italiani e stranieri.

L’idea è di veneziadavivere.com che ha portato in laguna 20 blogger internazionali molto conosciuti e seguiti, così da far raccontare direttamente a loro “Il Palazzo Enciclopedico” e tutto quello che gli ruota attorno.

Ne è nato il primo Art Instameet – Speciale Biennale Arte: una diretta mondiale su Venezia, un evento che è sicuramente destinato a fare scuola e rappresenta a mio modesto parere un ottimo esempio di come le nuove tecnologie possano essere uno straordinario strumento per la promozione culturale, oltre che per l’informazione e l’intrattenimento.

artbiennaleinstameet

Venezia prima città per la qualità degli Hotel

turismo, hotel, premioL’assessore comunale al Turismo ha ritirato in questi giorni alla Bit di Milano il premio “Trivago online reputation award”, assegnato alla città di Venezia, classificatasi al primo posto tra tutte le città d’Italia, per la qualità dei suoi hotel. La classifica è stata basata sulla reputazione online, determinata dalle segnalazioni dei visitatori.

Un premio decisamente importante, che viene assegnato sulla base delle informazioni e dei commenti che i “viaggiatori 2.0” si scambiano su Internet discutendo di qualità del servizio, dell’accoglienza, e naturalmente anche confrontandosi sul prezzo dei vari hotel.

Dal numero e qualità delle recensioni rilasciate in rete dagli utenti europei, è risultato che Venezia, con l’82,73% di pareri positivi, è la città con le migliori strutture d’Italia.

“Ho ritirato con grande soddisfazione questo premio – ha commentato l’assessore – Venezia ha negli ultimi anni avviato un ammodernamento delle strutture ricettive, raggiungendo una qualità degli alberghi che giustamente è stata riconosciuta. Uno sforzo notevole dei gestori degli hotel e delle catene alberghiere, che ringrazio anche a nome della città, che dimostra ancora una volta la credibilità di Venezia e della sua economia, nonostante il periodo di crisi.”

 

Tutti i voli del carnevale

Francesca Piccinini, Andrea Spiller, carnevale, piazza san marcoDopo il volo dell’angelo e quello della pantegana, in questo post vi parlo di quelli dell’asino e dell’aquila.

Sabato e domenica (ieri) fine settimana all’insegna del Carnevale, con tanti eventi, feste e divertimento. 

In laguna sono arrivati circa 140 mila turisti che hanno sfidato il gelo e sono stati premiati da un po’ di sole.

Molti hanno scelto il treno per raggiungere Venezia, e anche Mestre ha avuto la sua parte con il Volo dell’Asino (il giocatore di hockey Andrea Spiller) calatosi dalla torre di Piazza Ferretto a fare il verso al Volo dell’Aquila, che in Piazza san Marco ha visto invece librarsi dal campanile la pallavolista Francesca Piccinini, accolta da una folla festante e fotografante.

 

Il sole saluta l’apertura del Carnevale

carnevale, maschere, san marco, angelo, marieDopo un sabato durante il quale ha diluviato, domenica è spuntato un bel sole e, in una Piazza San Marco assolata, sono state circa 70mila le persone che hanno assistito al tradizionale “Volo dell’Angelo” dal campanile.

Il Carnevale di Venezia è quindi ufficialmente iniziato. Oltre al corteo con le Marie, ad aprire la festa c’è stata l’emozionante discesa della ventenne Marta Finotto, studentessa veneziana, fasciata in un abito rosso e bianco stile “Mulin Rouge”.

Assicurata ad un robusto cavo metallico la giovane, eletta la Maria più bella nella scorsa edizione del Carnevale, ha planato dalla cella campanaria fino al Gran Teatro allestito in Piazza San Marco, tra l’entusiasmo di veneziani e turisti. Qui è stata accolta dalle maschere che interpretavano il Doge e i nobili della Serenissima, attorniati dalle 12 Marie di questa edizione del Carnevale.

Il corteo delle Marie in genere precede di un giorno il volo dell’angelo, ma visto il maltempo entrambi gli appuntamenti si sono tenuti ieri.

Io sono andato in Piazza nel pomeriggio, il tempo è rimasto buono fino a sera, e c’erano tantissime persone e delle belle maschere, perlopiù tradizionali. Un buon inizio di carnevale insomma.

 

Carnevale Internazionale dei Ragazzi

carnevale, françois pinault, biennale, Charles RayTra i molti avvenimenti del carnevale veneziano, che ormai sta entrando nel vivo, c’è anche il Carnevale Internazionale dei Ragazzi, un interessante progetto Educational della Biennale, che intende sollecitare la creatività e la partecipazione dei ragazzi al grande vento, con spettacoli, mostre e laboratori durante i quali si creeranno maschere e costumi, stimolando creatività e manualità.

Ragazzi inclusi e coinvolti nel carnevale, del quale diventano protagonisti e ragazzi esclusi, che lasciano il loro posto, come quello (con la rana) di Charles Ray.

In punta della Dogana, a Venezia, tornerà il lampione al posto del “ragazzo con la rana”, la scultura di Charles Ray installata nel 2009 dalla Fondazione Pinault. 

Il lampione tornerà all’insegna dell’ormai celebre motto, “Com’era, dov’era”, sarà infatti ricollocato sul sito che guarda il Bacino di San Marco e sarà maggiormente fedele al lampione originario, di epoca post-unitaria, rispetto a quello che lo aveva sostituito, verso la metà degli anni ’60 e che aveva poi lasciato il posto al “ragazzo con la rana”. Ad annunciare il ritorno del lampione è stato il direttore generale del Comune Marco Agostini, ma non ho capito dove verrà sistemata la scultura.

carnevale, françois pinault, biennale, Charles Ray

 

Il volo della pantegana

topo, barche, canal grande, canali, cannaregio, carnevale, maschereUna pantegana gigante (e volante) a bordo di un burcio (barca tipica) ha aperto in Canal Grande a Venezia il Corteo Acqueo delle Remiere per il carnevale 2013. Una delle prime manifestazioni di questa edizione del carnevale veneziano.

Il grande topo realizzato in polistirolo, accompagnato da figuranti vestiti da dame e cavalieri e da un’orchestrina che interpretava motivi veneziani in chiave rock e swing, simboleggiava ironicamente, secondo gli organizzatori dell’evento, l’imminente ”fine” della città abbandonata da tutti e lasciata in balia dei (giganteschi) roditori.

Le barche si sono radunate all’altezza del campo della Salute, si sono avviate lungo il Canal Grande, e hanno fatto volare la pantegana giù dal ponte di Rialto, per proseguire poi nel canale di Cannaregio, a due passi da casa mia.

Dall’acqua la festa si è poi trasferita sulle rive dove sono stati preparati numerosi stand enogastronomici che proponevano pietanze e beveraggi nel solco della più gustosa tradizione veneta.

Assieme al burcio, col sorcio, in navigazione una cinquantina di caorline e mascherate, con il resto del bestiario veneziano: la magoga, l’astice, il cavalluccio e il pesce, ma anche pinguini e tante altre variopinte creature, più o meno improbabili.

In corteo complessivamente ha coinvolto 300 persone, 200 vogatori e un centinaio di figuranti.

Peccato che, almeno per ora, tra il pubblico, numeroso ed incuriosito, di maschere se ne sono viste davvero pochissime, ma c’è tempo, siamo solo all’inizio.

 

Ocio, ciò! Città e sicurezza

teatro, anziani, mestre, truffe, ChirignagoIl progetto “Ocio, ciò! Città e sicurezza” del quale avevo già parlato in passato su questo blog, arriva ora anche a Chirignago, con un pomeriggio di informazione e spettacolo aperto a tutti. 

Mercoledì 6 febbraio, alle ore 16:45 nell’auditorium del Centro “Don Orione”, è in programma “Ocio ciò! A Chirignago“, promosso dal Comune di Venezia e dalla Municipalità di Chirignago e Zelarino nell’ambito del Progetto “Ocio, ciò!”. L’ingresso è libero.

Di cosa si tratta? Un appuntamento di informazione e divertimento per saperne di più su come difendersi da truffe, furti e scippi.

Tematiche molto importanti, in particolare per gli anziani che vivono soli e che vogliano complicare la vita ai sempre più numerosi truffatori che li prendono di mira.

Lo spettacolo, vedrà anche la partecipazione di Café Sconcerto, il duo composto da Salvatore Esposito e Monica Zuccon testimonial del progetto. Verranno portati in scena alcuni sketch ideati proprio per spiegare come avvengono le truffe “porta a porta”, cioè quando si presentano falsi assistenti sociali, persone che si spacciano per “amici di vostro figlio”, oppure falsi “controllori della pensione” che hanno il solo scopo di rubare. 

Lo spettacolo di cabaret proposto da Cafè Sconcerto sarà preceduto dagli interventi del Vice Sindaco e Assessore alle Politiche Sociali, Sandro Simionato, del Presidente e del Delegato alle Politiche della terza età della Municipalità di Chirignago Zelarino, Maurizio Enzo e Lucio Zanetti. Sarà presente inoltre un dirigente del Commissariato di Polizia di Mestre, che fornirà alcuni suggerimenti i consigli per essere “più furbi dei furbi”, evitando così di cadere nei tranelli tesi dai truffatori.

In un territorio, come quello veneziano, dove ci sono sempre più anziani, spesso soli, queste iniziative sono molto importanti, inoltre “Ocio, ciò!” è anche uno spettacolo divertente, per passare un piacevole pomeriggio.

Il Carnevale dei colori

carnevale, colori, concerticerti, marieSi può dire che le feste natalizie siano appena finite e già si parla di quelle per il Carnevale, che infatti a Venezia prenderà il via già il 26 gennaio, per chiudersi poi il 12 febbraio.

Saranno quindi 13 giorni, animati da tantissimi spettacoli, concerti, giochi e divertimenti.

Il filo conduttore di questa edizione saranno i colori: Il Carnevale dei colori, i colori del Carnevale.

Proprio nel segno del colore saranno tutti gli appuntamenti del ricco calendario dell’evento, dai concerti in Piazza San Marco, ognuno dedicato a un tema cromatico differente, alle danze storiche e alle tante performance nei campi, passando per aperitivi in musica e gli immancabili eventi dedicati ai più piccoli.

Un turbine di musica e colori che travolgerà tutti, miscelando innovazione e grandi appuntamenti della tradizione, come il Corteo e la Festa delle Marie. 

Caleidoscopio di colori anche per i tradizionali voli, da quello dell’Angelo allo Svolo del Leon in programma per martedì Grasso, quando a mezzanotte la Vogata del Silenzio, corteo silenzioso di barche dal Ponte di Rialto al Bacino di San Marco, chiuderà ufficialmente il Carnevale di Venezia 2013.